Da quanto abbiamo appreso, Marc Marquez ne avrà per un bel po’. Il terzo intervento chirurgico ha quale obiettivo la risoluzione di un problema grosso, patito dalla prima gara di Jerez sino alla fine del campionato. Dolori, rottura della placca, poi fastidio e una guarigione che non voleva saperne di arrivare. Impossibile correre così.

La RC213 V del catalano è sella ambita da tanti piloti, chi la cavalcherà? Honda deve risolvere presto la questione, perché, anche se siamo ancora nella fase invernale, i vertici di Tokio, lo sponsor Repsol e lo staff della squadra cercano risposta: chi affiancherà Pol Espargarò fino a quando l’otto volte iridato non tornerà?

L’ipotesi Dovizioso è suggestiva ma, a quanto pare, Andrea e i dirigenti dell’ala dorata non vogliono spiccare insieme un volo 2021. Ci sarebbe Stefan Bradl, tuttavia, il tedesco è preferito nel ruolo collaudatore, sua reale mansione.

Ci vorrebbe un attaccante, esperto, veloce e dalla giusta conoscenza della Top Class a due ruote. Essendo tutti i giovani bombardieri impegnati con altri colori, la suggestione relativa ad Alvaro Bautista risulta, se non scontata, perlomeno sensata. Sempre che il team SBK sia d’accordo con il nostro pensiero.

VOTA IL SONDAGGIO: chi sostituirà Marc Marquez?

Contratto diretto con HRC, nazionalità valida e grandi nozioni tecniche


Alvaro ha debuttato in SBK con Ducati Aruba, mettendo paura a Johnny Rea per circa metà campionato 2019. Poi, il nordirlandese ha reagito, vincendo il quinto titolo, ma Bautista è stato riconosciuto quale degno rivale e miglior rookie degli visto nelle ultime edizioni.

 Il passaggio a Honda ha visto lo spagnolo in un processo di adattamente con la nuova CBR RR-R Fireblade, quattro cilindri in linea dal potenziale esplosivo, sebbene ancora acerbo nei primi round dell’anno. Il solo podio ottenuto da Honda nelle derivate di serie è proprio marcato numero 19, prima punta della squadra.

Il Curriculum di Alvaro conta un titolo 125, gare vinte in duemmezzo, stagioni da protagonista in MotoGP, per una esperienza notevole: Suzuki, Honda, Aprilia e Ducati le moto portate in gara e tre podi iridati.

Un corridore, quindi, esperto e sensibile. Consapevole. Inoltre, contrattualizzato HRC, dettaglio da non trascurare.

I contatti tra il pilota di Talavera de la Reina ed il team Repsol, alcune voci ci hanno suggerito, sono in essere. A ben pensarci, Alvaro Bautista potrebbe essere un ottimo sostituto di Marc Marquez, ma... chi sostituirebbe lo stesso Bautista in SBK?

Nemmeno nel 2020 Johnny Rea è stato riconosciuto tra gli sportivi britannici più meritevoli