MotoGP, Marc Marquez rompe il silenzio: “Tornare così presto è stato un errore”

MotoGP, Marc Marquez rompe il silenzio: “Tornare così presto è stato un errore”© Milagro

Lo spagnolo, prima di sottoporsi alla terza operazione al suo braccio destro, ha parlato in esclusiva a DAZN Spagna del suo infortunio e dei tempi di recupero: “Se mi avessero detto che la placca si sarebbe rotta non sarei risalito in moto”

5 dicembre

Qualche giorno prima di sottoporsi alla terza operazione al braccio destro, Marc Marquez è tornato a parlare del suo infortunio. Lo spagnolo, ex campione del mondo, ha parlato in esclusiva a DAZN Spagna di tutto il processo che lo ha portato a risalire in moto la settimana successiva alla prima operazione e dello shock che tutto ha avuto sul suo braccio. 

MotoGP, Honda davanti a un bivio: chi sostituirà Marc Marquez?

"La placca si è rotta per lo stress di Jerez"


Marc Marquez a DAZN ha parlato del suo calvario dopo l’infortunio al braccio e cosa lo ha spinto a tornare pochi giorni dopo la prima operazione. “Dopo la prima operazione - esordisce Marquez - ho chiesto ai medici quando potevo tornare in sella. E’ la prima cosa che chiede qualsiasi sportivo dopo un infortunio. Il dottore come sempre cerca di frenarti ed essere realista. Mi hanno assicurato che tutto era andato bene e che la placca non si sarebbe rotta. Io non sono certo un incosciente, se mi avessero detto che la placca si sarebbe rotta non sarei tornato sulla moto. La placca si sarebbe potuta rompere in qualsiasi posto”.

Poteva rompersi anche in casa aprendo la finestra sul giardino - aggiunge lo spagnolo - ma non si è rotta lì, si è rotta per tutto lo stress di Jerez. E’ stato un errore, che ho imparato. Noi piloti abbiamo una virtù ma anche un difetto, che non abbiamo paura del rischio”.

Marc chiude il discorso sull’infortunio al braccio dicendo: “In una settimana le cose cambiano. In questo momento sto aspettando. Sono in attesa di vedere se l'osso finisce di guarire bene. Sono entrato in un periodo chiamato ritardo di consolidamento perché quando hanno fatto la seconda operazione hanno dovuto mettere un innesto osseo lì ed è lì che c'è una piccola quantità che il corpo non la accetta o lo fa a poco a poco e questo è che sta rallentando tutto. Finché l'osso non si è completamente consolidato, prima di tutto non mi vedo salire su una moto perché le sensazioni non sono buone. E poi anche perché se non lo vedi più e nella radiografia non lo vedi consolidato, non ci provi nemmeno”.

VOTA IL SONDAGGIO: chi sostituirà Marc Marquez?

“Tornerò quando potrò di nuovo prendermi rischi”


Lo spagnolo parla anche dei tempi di recupero e la possibilità di ritornare in pista subito ad inizio stagione: "Ci sono molte possibilità che io possa tornare subito ad inizio stagione. La possibilità che è stata considerata una terza operazione esiste ancora, ma ci sono molte altre opzioni. Che l'osso finisce per consolidarsi, forse devo passare in sala operatoria per rimuovere la placca ... o forse devo passare di nuovo in sala operatoria per un nuovo intervento per cambiare questo innesto osseo ed è lì che i medici, per le tempistiche, sembra che indichino inizio stagione. Sono sempre stato molto chiaro che finché non sarò al 100% non tornerò".

Per chiudere la prima parte dell'intervista a DAZN, Marc si riaggancia al discorso dell’essere al 100% e dice: “Non mi ha mai preoccupato il fatto di tornare e non essere lo stesso, ecco perché aspetto di essere al 100% e di guarire bene. Quando torno voglio essere e sarò lo stesso, senza pensare "Oh, il braccio, non posso". Quando torno devo essere pronto ad andare al 100%, il mio corpo deve essere pronto a correre tanti rischi, perché è nel mio DNA ed è ciò che mi ha portato a raggiungere ciò che ho ottenuto e a commettere gli errori che ho commesso. Ma alla fine il conto si paga. Ora l'attesa è lunga, non mi sto allenando. Peso 61 kg, normalmente ne peso 65, ho perso tutto muscolarmente ... ma mancano ancora mesi prima dell'inizio della stagione”.

MotoGP, Quartararo: “Voglio il titolo con Marquez in pista”

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi