Nella seconda parte della stagione da poco conclusa alcuni piloti hanno mostrato chiari segnali di crescita, e tra questi c’è senza dubbio Takaaki Nakagami. Il portacolori del team LCR infatti ha colto la sua prima pole position nel GP di Teruel, riportando il Giappone in prima casella 16 anni dopo l’ultima volta, ed ha ottenuto il suo miglior risultato in gara (4°) nel successivo GP d’Europa. Un ruolino di marcia interessante, che giustamente ha regalato al giapponese il sorriso.

“Abbiamo avuto a che fare con una stagione impegnativa per varie ragioni - spiega Takaaki - ad iniziare dalla presenza di diverse doppie gare, che hanno reso difficile il recupero fisico. Nelle stesse occasioni però io ed il team siamo riusciti a migliorare nelle seconde gare, il che è positivo. Nel complesso quindi direi che la mia stagione è stata intensa ma soddisfacente, nonostante non sia riuscito a centrare il mio primo podio”.

Uno dei segreti della crescita di Nakagami è stato l’utilizzo dei dati di Marc Marquez, al quali Taka ha iniziato ad ispirarsi.

“Certamente userò i suoi dati anche l’anno prossimo, del resto è il miglior pilota della categoria, e cercare di avvicinarmi al suo stile mi ha aiutato ad essere più rapido. Avere a disposizione la RCV 2021 mi regala sia motivazione che pressione, dato che dovrò maggiormente lavorare per ottenere il massimo dalla moto”.

L’assenza di Marc durante la stagione ha anche permesso al giapponese di avere molti più uomini Honda al suo fianco, con risultati più che evidenti.

“Senza la presenza di Marc ho avuto maggiore supporto dalla casa, cosa non usuale per un team satellite. Ho avuto tante persone intorno a me durante le gare e mi è piaciuto: ho potuto fare alcune richieste, migliorando molto in termini di velocità. Spero di poter avere un aiuto simile anche il prossimo anno, cosa che potrebbe essere davvero la chiave della mia stagione”.

“Voglio continuare a crescere, felice di avere Alex come compagno"


“L’anno prossimo vorrei continuare a migliorare - prosegue il giapponese - come fatto quest’anno, dato che sarà una stagione molto importante per la mia carriera. Molto passerà dai test pre stagione: dovrò essere bravo a trovare subito la giusta strada da seguire. Mi piacerebbe poter lottare per la vittoria già in Qatar, per capire il mio livello”.

Il primo passo verso la nuova stagione saranno i test di febbraio a Sepang, dove Honda dovrà fare nuovamente a meno di Marquez senior, affidando il lavoro di sviluppo (tra gli altri) a Nakagami.

“Ho letto le novità legate a Marc, e mi dispiace che non possa essere in forma per l’inizio del campionato. Non so chi si occuperà dello sviluppo dai test di Sepang, certamente Pol (Espargarò ndr) si adatterà rapidamente alla Honda. Io sono in un team satellite, quindi non so ancora nulla riguardo alle novità che potremo provare, ma certamente avremo delle informazioni nelle prossime settimane. Il fatto che saremo in quattro ad avere la moto 2021 è positivo, dato che avremo tante informazioni e dati da scambiare per crescere”.

Come sarà l’atmosfera all’interno del box LCR 2021? Nakagami dice la sua, in maniera positiva.

“Alex è stato molto veloce in diverse gare, quindi sono contento di condividere il box con lui. Abbiamo condiviso tanti anni correndo per la stessa casa (Honda ndr), e quest’anno abbiamo condiviso anche l’hospitality: non vedo l’ora di lavorare insieme”.

Honda presenta il suo 2021. Marquez: “Torno più forte e più maturo”