MotoGP, Quartararo: “Mi è mancata l'esperienza, non ero pronto”

MotoGP, Quartararo: “Mi è mancata l'esperienza, non ero pronto”© Milagro

L'ormai ex compagno di Franco Morbidelli ha analizzato i risultati ottenuti nel 2020, nettamente sotto le aspettative nonostante un ottimo avvio

14 dicembre 2020

Fabio Quartararo si prepara al grande salto nel team ufficiale Yamaha al fianco di Maverick Vinales, ma sa di dover migliorare sotto alcuni aspetti se vuole puntare al Mondiale. La stagione 2020 doveva essere quella della consacrazione per il francese, ma si è conclusa con un poco soddisfacente ottavo posto nella classifica piloti.

Le premesse di inizio stagione erano state ben diverse. "Mi aspettavo di lottare per le vittorie ma non di vincere subito le prime due gare a Jerez", ha dichiarato Quartararo a Ouest France. "È stato eccezionale iniziare così bene la stagione. Dopo abbiamo avuto molti alti e bassi. Da un punto di vista sportivo, ottenere tre vittorie nella mia seconda stagione in MotoGP è eccezionale. Peccato per i problemi tecnici accusati".

Pressione psicologica


Fabio sa di non aver retto alla pressione derivante dalla lotta per il Mondiale: "Ho anche avuto problemi alla testa. Non ero pronto per essere lì. Mi mancava l'esperienza", ha ammesso El Diablo.

"Avrei potuto ottenere risultati migliori, ma ho subìto molte cadute. Come a Valencia, dove avrei dovuto accontentarmi dei punti per il 9° o 10° posto. Tuttavia, ricorderò le tre vittorie per tutta la vita. Sappiamo di avere il potenziale per vincere di più e lottare per il titolo".

Lavorare sulla gestione delle emozioni


Nelle settimane scorse Fabio Quartararo aveva spiegato che sarebbe tornato dallo psicologo per lavorare sulla sua emotività. Il pilota Yamaha ha confermato questa possibilità: "È vero. In passato, mi aveva aiutato moltissimo emotivamente. L'obiettivo del 2021 è quello di canalizzare tutte queste emozioni, buone o cattive, per essere più concentrato in moto, dando dati più precisi ai miei ingegneri. Ci sono stati momenti in cui la moto non andava bene, ero troppo nervoso".

Un'annata così complicata non può che servire da lezione: "Due o tre giorni dopo Portimao, non ero contento della mia stagione. Ma guardandomi indietro, so di aver imparato molto da questo campionato. Ho acquisito molta esperienza quest'anno e mi aiuterà per la prossima stagione. So su cosa devo lavorare. Non vedo l'ora di essere nel 2021", ha concluso Quartararo.

MotoGP, Meregalli: “Un voto alla nostra stagione? 6,5”

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi