Continuano i lavori per ultimare in tempo utile il circuito di Mandalika, in Indonesia. Il tracciato è tra le piste di riserva del calendario provvisorio MotoGP 2021 e non vuole farsi trovare impreparato.

I lavori non si fermano


Il responsabile della costruzione, Aris Joko Santoso, ha dichiarato che gli organizzatori stanno provvedendo all'asfaltatura della pista, utilizzando un asfalto importato dall'Inghilterra: "Questo asfalto speciale è prodotto in Inghilterra e viene utilizzato per rivestire la parte superiore del circuito; rappresenta la specifica utilizzata per la MotoGP. La parte inferiore dell'asfalto è prodotto in Indonesia", ha dichiarato ai media locali.

L'impegno degli organizzatori non finisce qui: gli airfence e i guardrail da installare ai lati della verranno importati dalla Germania. Come dichiarato dallo stesso Santoso, produrli in loco richiederebbe un grande investimento in termini di trasferimento di tecnologia e produzione.

I lavori non riguardano solo il circuito: gli enti locali stanno provvedendo a rafforzare la linea elettrica nei principali luoghi d'interesse situati nei pressi del circuito.

Dorna riconosce lo sforzo dell'Indonesia


"Riconosciamo l’immenso sforzo dei numerosi soggetti coinvolti in questo progetto e vogliamo estendere la nostra gratitudine al Presidente Jokowi e ai suoi Ministri per il loro impegno nel portare in Indonesia il motorsport internazionale nel 2021", aveva dichiarato qualche settimana fa Carmelo Ezpeleta, capo della Dorna.

A patto di riuscire a terminare i lavori in tempo utile per ricevere la necessaria omologazione, Mandalika rimane in lizza assieme a Portogallo e Russia per subentrare qualora dovesse venire meno uno dei tracciati previsti in calendario. 

MotoGP, Gresini 2022: con che Casa si celebrerà il matrimonio perfetto?