Salvo stravolgimenti dell'ultimo momento, il 2021 sarà un anno lontano corse per Andrea Dovizioso. Il forlivese, reduce dalla sua ultima stagione in Ducati, ha rilasciato una lunga intervista a DAZN in cui ha ripercorso i perché della sua scelta.

"Sapevo che fermarsi un anno era una possibilità", ha ammesso Dovizioso. "Non pensavo fosse l'opzione più probabile, ma quando prendi una decisione come questa devi tenerla in considerazione. In altre parole: non avendo trovato in MotoGP una situazione adeguata che mi permettesse di gareggiare nel 2021, mi sono già organizzato, come mi piace dire, per fare altre cose".

Gli anni vissuti da Andrea nel Motomondiale rappresentano l'età dell'oro per la MotoGP, grazie all'incredibile concentrazione di campioni in pista, da Rossi a Marquez, passando per Stoner, Lorenzo e Pedrosa. Chi ha segnato più di tutti questa epoca? "Non sarebbe giusto evidenziarne uno più di un altro perché tutti questi piloti sono stati campioni in modi diversi e con caratteristiche diverse", ha commentato il campione del mondo 2004 della 125.

MotoGP, Chicho Lorenzo punge Dovizioso: “Passerà alla storia come un non campione”

Generazione di fenomeni


"Li ho studiati tutti, ho combattuto tanto con tutti… È stato affascinante e molto difficile competere con loro. Parliamo di grandi nomi, in questi ultimi 10 o 15 anni il livello è stato sicuramente alto. Non dico che ora sia in calo, ma una tale concentrazione di tanti piloti a quel livello è stata qualcosa di straordinario", ha spiegato l'italiano.

Se si parla di talento, Dovizioso non fatica a definire Casey Stoner come il pilota che ne era più dotato: "Casey è stato a lungo il mio rivale più talentuoso, non solo per il suo talento ma per il modo in cui è riuscito a spremerlo. Perché Valentino, ovviamente, non si può dire che non abbia talento, ma ha un metodo per riuscire a ottenere i risultati. Invece, Casey scendeva in pista e 'bang!', questo era il problema per i suoi rivali. Per tutta la sua carriera ha corso in quel modo, era capace di farlo e lo faceva molto bene".

Quando si tratta di confrontare Stoner con Marc Marquez, il paragone si fa più complicato. "Tutto ciò che ha ottenuto, indurrebbe a dire che Casey aveva un po' più di talento, ma è difficile per me dirlo così, onestamente. Marc vive la vita in modo diverso da Casey, e diciamo che non ha vissuto tutte quelle situazioni in cui Casey non si sentiva a suo agio. A livello ambientale tutto è stato molto più facile, più divertente, calmo, rilassato".

Ipotesi nervo radiale interessato per Marquez? Da Honda né conferme né smentite