Il mondiale 2020 ha incoronato Joan Mir come campione nella classe regina in sella alla Suzuki ufficiale. Un trionfo difficile da prevedere alla vigilia del mondiale ma che, grazie alla costanza dello spagnolo, è arrivato con una gara d'anticipo. 

Tornando indietro di qualche anno, il maiorchino, così come tanti giovani piloti ora in attività nelle varie classi del Motomondiale, ha corso nel contesto della Red Bull Rookies Cup, dove ha chiuso da vicecampione l'annata 2014 alle spalle di Jorge Martin.

Red Bull Rookies Cup: quattro italiani nell'entry list 2021

Sei campioni del mondo provenienti dalla Rookies Cup


Mir è il primo pilota proveniente dalla Rookies ad aver vinto il titolo in MotoGP, ma il sesto a salire sul tetto del mondo. Oltre a lui, infatti, hanno vinto un titolo anche Brad Binder, Danny Kent e Jorge Martin in Moto3 ed Enea Bastianini in Moto2. Il più vincente, invece, è Johann Zarco, che di titoli mondiali in bacheca ne ha due, proprio come Joan, seppur entrambi nella classe intermedia.

Inoltre, nel 2021 circa un terzo della griglia della MotoGP sarà formata da piloti provenienti dal trofeo della Casa austriaca: Bastianini, Binder, Zarco, Martin, Oliveira, Savadori e, ovviamente, Joan Mir.

Allo stesso modo, tra Moto2 e Moto3 saranno ben venticinque i piloti al via dai trascorsi nella Rookies Cup, tra cui il campione 2020 Pedro Acosta. Una statistica che rende perfettamente l'idea dell'impatto che la serie ha avuto sul Motomondiale a partire dalla sua introduzione nel 2007.

MotoGP: aspettando i test invernali, i piloti si divertono... con le Ohvale