Danilo Petrucci può finalmente dire quanto è felice di essere approdato nel team Tech3-KTM: il pilota ternano, infatti, era sotto contratto con Ducati fino al 31 dicembre, ma adesso è libero di dire quanto sia felice di aver trovato un accordo con la Casa di Mattighoffen, reso possibile dal passaggio di Pol Espargarò in Honda ufficiale al posto di Alex Marquez.

L’accordo con KTM era stato preso già lo scorso giugno, quando anche noi ve lo abbiamo annunciato, e all’epoca Danilo Petrucci era andato a visitare il reparto corse KTM a Munderfing.

E’ stato davvero impressionante”, ha detto Danilo Petrucci a Speedweek.com. “Ci è stato dato un caloroso benvenuto quando ci siamo seduti con Pit Beirer, Mike Leitner e Jens Hainbach. Mi è stato permesso di visitare l'intero reparto corse, che è un sogno. Non ero mai stato in un reparto corse così, dove puoi vedere tutte le moto da corsa con tutti i tecnici al lavoro. Ho potuto guardare tutto: le moto, i motori... È stato impressionante. Quando ci siamo salutati abbiamo concordato verbalmente un buon contratto. Ho avuto la sensazione che i nostri interlocutori in KTM fossero felici quanto me”.

“Il mio obiettivo è sempre stato correre con KTM”


Sesto nel mondiale 2019, e dodicesimo quest’anno, ma con una vittoria in Francia, Petrucci si dichiara felice di questo passaggio in KTM.

“Devo ringraziare ancora Gigi Dall’Igna per avermi detto così presto, in primavera che avrei dovuto cercare una nuova squadra. Il mio obiettivo è sempre stato quello di correre con KTM. Mi è sempre piaciuto questo Costruttore".

"Ora posso rivelare che è l'unico marchio da cui ho comprato delle moto, perché amo le moto fuoristrada di KTM. Ammiro il lavoro che fanno, perché prendono parte a tanti campionati in tante discipline diverse. E hanno vinto ovunque. Certo, avrei preferito venire in KTM grazie ai successi sportivi e non a causa dei movimenti sul mercato. Ma come pilota professionista devi sfruttare le opportunità che si presentano”, ha detto Petrucci.

“Ho già provato la KTM 3 volte”


“Alla fine, sono stato felice che la Ducati mi abbia buttato fuori così presto. Perché ho subito trovato una nuova squadra. La decisione della Ducati è stata quindi un vantaggio per tutti”, conclude

Petrucci ha fatto visita anche al box KTM, dove ha preso le misure alla moto e… viceversa: sono state, infatti, annotate le misure del pilota ternano per far sì che la moto gli calzi a pennello.

“Tutte le misurazioni sono state effettuate prima dell'inizio della stagione", spiega Petrux. "E' stata preparata anche una sella ed è stata rilevata la mia posizione esatta sulla moto. Sono stato anche nella galleria del vento a Colonia. Ora posso rivelarlo: ho già provato la moto tre volte. Ma sfortunatamente sempre con il motore spento”, conclude Danilo Petrucci, che non nasconde la sua voglia di saggiare il prima possibile le doti della sua KTM.

MotoGP: Fausto Gresini in condizioni stabili ma ancora gravi