È l'addio di Davide Brivio alla Suzuki la prima notizia che ha scosso il mondo del motorsport in questo 2021. Dopo aver vinto un incredibile titolo mondiale in classe regina con Joan Mir, il manager lombardo ha deciso di lasciare il Motomondiale e abbracciare l'ennesima nuova sfida, rappresentata stavolta dal team Alpine F1.

L'annuncio di Brivio come nuovo CEO della squadra francese non è ancora arrivato, ma iniziano a emergere nuovi retroscena su questa trattativa, andata avanti in gran segreto negli ultimi mesi.

MotoGP, Suzuki: Rins e Mir salutano Davide Brivio

Brivio, nuovo braccio destro di Luca de Meo


Secondo la testata spagnola Marca, l'amministratore delegato del gruppo Renault Luca de Meo avrebbe presentato la sua offerta a Brivio prima che Mir conquistasse il Mondiale a Valencia. Brivio avrebbe così chiesto un periodo di riflessione, preferendo prima focalizzarsi sul finale di stagione che ha regalato alla Casa di Hamamatsu un titolo che mancava da 20 anni.

Luca de Meo punta sul brianzolo come suo uomo di fiducia, ritenendolo la persona giusta per guidare il team di Formula 1 e rilanciare il marchio Alpine a livello commerciale, un po' come fece con Abarth in Fiat o con Cupra in Seat.

Ad attendere Brivio ci sarà Fernando Alonso, al rientro in Formula 1 dopo due anni di assenza. Gli altri uomini che hanno composto il team Renault nel 2020, da Marcin Budkowski a Pat Fry, dovrebbero rimanere nei loro ruoli.

Rainey: “La rivalità con Schwantz fu la mia motivazione”