Franco Morbidelli, in vista dell'inizio della stagione MotoGP 2021 (qui il nuovo calendario) continua i suoi allenamenti al Ranch insieme a Valentino Rossi e ai ragazzi dell'Academy. In un video girato da Dainese e postato su Youtube, il pilota italobrasiliano che quest'anno avrà al box Petronas come compagno di team proprio Valentino, ha parlato dell'importanza di avere a disposizione il Ranch dove allenarsi, ma anche dei piloti più forti.

Una tipica giornata al Ranch


“L'allenamento al Ranch inizia con Valentino che ci manda un messaggio - dice Morbidelli -. Ci scrive alle 13 e ci dice l'orario in cui ritrovarci. Di solito in estate è alle 17 e dura fino a circa le 21, in inverno invece l'orario è anticipato perchè fa buio prima”.

Una volta che tutti sono al Ranch, quindi, inizia il vero divertimento: “Partiamo con dei giri in pista, - aggiunge - come se fossero prove libere, tre o quattro sessioni con qualche giro più spinto e poi arriva la vera e propria corsa. Decidiamo che tipo di corsa vogliamo fare. Ad esempio il giro del Ranch, oppure l'americana”. Alla fine della giornata, poi, una cena tutti insieme sempre al Ranch.

L'importanza del flat track


Ma quanto può essere importante l'allenamento al Ranch per un pilota MotoGP? “Il flat track è importante perchè ti porta a guidare con la moto di lato e le gomme che slittano - spiega Morbidelli -. E' un allenamento che ti permette di non aver paura quando una cosa del genere ti accade in pista durante una vera gara. Tutto ciò che impariamo qui può tornarci utile in pista. Il Ranch è qualcosa di unico, ciò che puoi fare qui non puoi farlo in altre piste. Non ci sono strutture come questa, con questa superficie o layout. Siamo fortunati perchè tanti piloti non possono allenarsi su una pista del genere. Guidare qui è come danzare, ti muovi insieme alla moto, muovi molto i fianchi e segui la moto in quello che ti dice di fare”.

Chi è il più veloce?


Infine, Franco parla di come ha conosciuto Valentino, che da sempre gli ha fatto da mentore: “Ho incontrato Vale quando avevo 13 anni. Ho iniziato ad allenarmi con lui sia in pista che in palestra, lui ha voluto aiutarmi e le cose sono progredite passo passo”.

A questo punto, svelati tutti i segreti del Ranch, non resta che sapere chi è il più veloce in pista: “Allenarmi con i ragazzi dell'Academy - conclude Morbidelli - è super divertente, è sempre una sfida. Il livello del nostro allenamento è sempre alto e ci permette di migliorare sempre di più. Chi è il più veloce? Di sicuro è Vale, è uno dei migliori e non ci dimentichiamo infatti che è il capo. Anche Luca (Marini) però è veloce”.

MotoGP: Bryan Toccaceli, un coach speciale per Valentino Rossi