Come vi avevamo annunciato, a partire dal 2022 diverranno obbligatori in MotoGP i pannelli luminosi lungo le piste, per indicare le varie situazioni di pericolo. Sono già in uso in Formula 1 e vengono attivati dai marshall.

Dopo una serie di test, la Federazione Motociclistica Internazionale ha appena annunciato la prima omologazione per i pannelli LED: si tratta del modello 768-G2 prodotto da Pixelcom, azienda che realizza anche tabelloni sportivi (per calcio, tennis, kart, pelota valenciana, etc ..), display dinamici di informazioni (industria, logistica, sport) e software per kart e sport motoristici.

La prima omologazione


Il pannello luminoso 768-G2 ha superato con successo tutti i test dello standard FIM per pannelli luminosi, vale a dire il test di luminanza minima e il test delle coordinate di colore.

“Siamo davvero orgogliosi di essere la prima azienda al mondo ad avere Light Panel omologati FIM”, ha dichiarato Hector Llop, il CEO e co-fondatore di Pixelcom.

"Abbiamo installato le nostre prime unità più di dieci anni fa e da allora sono stati introdotti molti miglioramenti. Molti circuiti lo sono utilizzando le nostre soluzioni sia per track day che per eventi. Con questa omologazione, raggiungiamo le caratteristiche più esigenti del settore, mantenendo gli standard di sicurezza come uno degli aspetti più importanti negli sport motoristici.

"Il nostro obiettivo è fornire le migliori attrezzature e i migliori servizi a tutte le strutture che necessitano di queste soluzioni tecnologiche, per migliorare la sicurezza e le operazioni in pista in questa nuova era del motociclismo", ha concluso Hector Llop.

I pannelli luminosi diverranno obbligatori anche nel mondiale Superbike e nel mondiale Endurance, ma a partire dal 2023.

MotoGP, Lorenzo: “Rossi in Petronas è stata una sorpresa”