Il campione del mondo in carica Joan Mir ha le idee ben chiare per la nuova stagione che prenderà il via il 28 marzo da Losail: vincere un nuovo titolo e combattere contro Marc Marquez. “Il prossimo titolo - ha detto Mir - lo voglio ottenere con Marquez in pista!”.

Occhi puntati sulla stagione 2021


“Mi ci è voluto molto per arrivare a vincere - ha detto il pilota Suzuki in un'intervista a AS.com - e penso che non sia finita qui. In questo 2021 voglio fare una stagione migliore della scorsa, indipendentemente dal risultato. Voglio di più. Mi sono fermato per una settimana quest'inverno perché mi hanno costretto, altrimenti non avrei smesso di allenarmi”.

Quel che si dice del maiorchino è che, nonostante la vittoria iridata, non si sia montato la testa: “A Tito (Rabat), che è un grande amico - ha aggiunto -, gli dico che, se un giorno mi monterò la testa per qualche motivo, dovrà darmi uno schiaffo e mandarmi ad allenarmi”.

MotoGP, Guintoli svela i segreti della Suzuki GSX-RR

“Darò il massimo in ogni gara”


Insomma, Mir è del tutto focalizzato sulla nuova stagione. I presupposti ci sono, nonostante la partenza dal team Suzuki di Davide Brivio potrebbe scombussolare un po' i piani. Il maiorchino vuole fare bene, non importa come e perchè:A chi dice che ho vinto per caso, beh dimostrerò il contrario dando il cento per cento. Mostrerò i denti in ogni gara e darò il massimo con quello che ho. Da lì, lasciate che ciascuno giudichi, questo è ciò che sono le moto e lo sport in generale”.

Poi sulla partenza di Brivio: “In verità - ha proseguito -, non mi interessa cosa fa Davide, ma lo stimo. È stato lui a venire da me e chiedermi se volevo andare in Suzuki, è qualcosa che rimarrà con me per tutta la vita. Leggevo di Lorenzo o Pedrosa che potevano passare in Suzuki e io non potevo confrontarmi con loro. Ma lui aveva molta fiducia in me, ha scommesso su di me e due anni dopo eravamo campioni del mondo”.

Ossessione Marc Marquez


Infine, quasi irritato dalle continue domande sulla vittoria del titolo 2020 correlata all'assenza di Marc Marquez, il maiorchino ha concluso così la sua intervista:Vincere un titolo con Marc Marquez in pista varrebbe di più. Dentro di me, so di aver vinto quando Marquez non era infortunato, perché non l'hanno rapito ma si è infortunato dando il cento per cento per vincere. Mi correggo, il prossimo titolo non varrebbe di più se ci fosse anche lui a giocarsela, ma lo voglio ugualmente con lui in pista. Dentro di me gli darei più valore. Vorrei che rientrasse con tutta l'anima, davvero. L'ho visto un giorno mentre guardava suo fratello Alex allenarsi, e l'ho trovato scoraggiato. Spero che torni e che sia lo stesso di prima, in modo che renda le cose super difficili per tutti noi e ci renda migliori”.

MotoGP, Suppo: “Marquez? La responsabilità maggiore è dei medici”