Spesso i piloti vengono considerati supereroi per le loro prodezze in pista, e a volte un po’ lo sono davvero, per esempio quando riescono a correre, a portare una moto a oltre 300 km orari, nonostante il dolore degli infortuni. Questo è stato il caso di Marco Melandri (qui potete vedere la sua uscita sulla EMTB di Alex Puzar) quando nel 2007, sulla pista di Laguna Seca, riuscì a correre alla domenica nonostante la brutta caduta del sabato, avvenuta dopo aver urtato Kurtiss Roberts.

Che gara!


Ma non solo riuscì a correre, fece anche una grandiosa rimonta dalla decima casella e chiuse a podio, dopo aver tagliato il traguardo in terza posizione davanti a Valentino Rossi. Dall’album dei ricordi ha tirato fuori la foto della sua caviglia sinistra infortunata e ha commentato: “Quando vedo questa foto del dopo gara MotoGP di Laguna Seca 2007 mi chiedo come cavolo feci ad andare a podio… Per fortuna scoprii solo una volta tornato in Italia di avere l’astragalo rotto...

Un commento accompagnato poi da un dietro le quinte simpatico: “Il Dott Costa mi fece una delle sue magie... Gli chiesi un’ultima infiltrazione di anestetizzante prima della gara e lui mi rispose: “Se te ne faccio un’altra ti addormenti anche te!!”

Ecco la foto in questione:

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Marco Melandri (@marcomelandri33)

DAZN, "Misano Confidential": Melandri racconta la sua Misano e svela un dettagli sul titolo 2015