Se l'infortunio al braccio destro lo permetterà, nel 2021 Marc Marquez condividerà il box Honda Repsol con Pol Espargaro. Non è il primo incrocio tra i due, abituati a frequentarsi fin da bambini.

A raccontarlo è Julià Marquez, padre di Marc, nel secondo episodio del documentario "Route 46 - Route 93, il percorso di due miti" prodotto da DAZN.

Da bambini "si sono divertiti molto, corrono insieme da quando avevano 5 o 6 anni", ricorda Julià, mentre Roser Alentà - mamma di Marquez - spiega: "Quando girava coi kart, c'erano anche Pol, Tito Rabat, Maverick Vinales, venivano nella nostra roulotte e giocavano assieme".

MotoGP, Reggiani: “Marquez? Basta colpe ad altri, non è un ragazzino”

La rivalità in 125 e Moto2


È lo stesso Marc Marquez a ricordare alcuni momenti condivisi con Pol Espargaro: "Mi piace, parliamo, siamo abbastanza simili. Forse gli anni che ricordo con più tensione sono stati il ??2010 e il 2012. Ci parlavamo il giusto, c'era rivalità e sono sicuro che non poteva vedermi e io non potevo vedere lui. Era così perché era rivalità", racconta Marc ripensando alle stagioni in cui ha dovuto battagliare con Pol in 125 e Moto2.

"Con Pol adesso andiamo molto d'accordo, speriamo di lottare entrambi per il titolo, perché ci sarà tensione, ma è normale", conclude la Formica Atomica.

MotoGP, Mir: “Marquez? Non mi stupirebbe lottasse subito per vincere”