Si è aperta, nel pomeriggio di oggi, in Andorra, la lunga serie di presentazioni con il team Esponsorama Racing. I due portacolori per la stagione MotoGP 2021 saranno gli italiani Luca Marini ed Enea Bastianini. E proprio il campione del mondo uscente della Moto2, Bastianini, ha espresso il suo grande entusiasmo per questa nuova avventura che lo attende.

Entusiasmo alle stelle


Dopo aver tolto i veli ai prototipi che scenderanno in pista nella nuova stagione, Enea ha parlato alla stampa: “Sono molto felice di essere qui per questa stagione - ha detto -. È il primo anno in MotoGP e posso dire quanto sia incredibile, è un sogno. Per quanto riguarda la stagione 2021, vediamo cosa si potrà fare e se si potrà lottare per qualche posizione importante“.

Primo appuntamento, i test in Qatar


Con la moto che è stata svelata, adesso non resta che attendere i test in Qatar: “Le aspettative ovviamente non sono alte – ha proseguito - la moto è nuova e dovrò cercare di capire come lavorare ma soprattutto come adattarmi, ci sarà molta più elettronica e molte più cose da dover sistemare, dovrò imparare a conoscere le gomme. Ci vorrà del tempo però sono carico e non vedo l'ora di iniziare”.

I due novellini Bastianini e Marini, così come tutti i piloti del Motomondiale trascorreranno in Qatar quasi un mese e oltre alle giornate di test, affronteranno a Losail ben due gare. Un bene o un male? “Penso che sarà un vantaggio anche se non è buono rimanere sempre sulla stessa pista - ha aggiunto Enea -. Mi piacerebbe anche poter cambiare, ma è così e non possiamo farci niente. Soprattutto per la seconda gara avrò più esperienza e vedremo come andrà”.

“Sto lavorando duramente”


Intanto, in attesa di scendere in pista la concentrazione adesso è focalizzata sull'allenamento: ”Rispetto agli anni passati – ha spiegato Bastianini - ho cercato di lavorare un po' più duramente. Mi alleno in palestra e in bici e con la moto da cross. Devo imparare ancora tanto perchè è una disciplina a parte però mi piace molto ed è produttiva per la MotoGP”.

Quello che invece non ha cambiato, è l'alimentazione: “Io sono piccolino quindi devo tenere una bella massa muscolare però una volta che guiderò sempre più fluido avrò meno bisogno di forza e più di resistenza”.

MotoGP, Quartararo e Miller in pista al Rocco's Ranch

“Giribuola saprà consigliarmi”


In questo periodo, Enea ha avuto anche il piacere di conoscere il suo nuovo capotecnico, ovvero Alberto Giribuola ex capotecnico di Andrea Dovizioso: “Con Alberto ci siamo già incontrati 3 o 4 volte, abbiamo fatto una riunione e l'impressione è stata positiva. E' un ragazzo giovane però ha già molta esperienza su quella moto e potrà insegnarmi molto in quanto ha lavorato con un pilota che reputo molto bravo soprattutto sulla messa a punto, credo che avrò molto da imparare con lui.”

Tanti avversari con cui confrontarsi


Infine, sugli avversari in pista, ma anche su Luca Marini, primo “rivale” e compagno di squadra: “Non ci sarà Marquez forse - ha concluso Bastianini -, ma ci saranno tanti piloti con i quali mi sono scontrato in passato come Mir, Bagnaia, Miller, Rins, Alex Marquez loro hanno più esperienza quindi saranno più avanti di me, dovrò imparare. L'emozione è tanta e la voglia ancora di più. Se tra me e Luca nascerà rivalità sarà perchè tutti e due andremo forte, ma non è detto che nasca. Negli ultimi anni c'è stato un livellamento nelle moto e nei piloti quindi mi auguro di essere anche io un protagonista ma saremo in tanti”.

MotoGP, Ezpeleta smentisce: “Nessuna indagine Honda su Marquez”