Marc Marquez ha mostrato al mondo l’entità dell’intervento subito al braccio destro, mettendo alla scoperto la sua impressionante cicatrice.

Dopo aver perso completamente la scorsa stagione, ora l’otto volte iridato spagnolo rischia di vedere compromessa anche la stagione 2021, perché si teme che il suo rientro non possa avvenire in tempo per il primo round della stagione, in programma per il 28 marzo in Qatar. In Casa Honda, però, sembrano essere fiduciosi sulla presenza del loro pluricampione a Losail. Almeno se non per il primo, per il secondo dei due round in Qatar, il 4 aprile.

Per quella data saranno trascorsi quattro mesi dal terzo e ultimo intervento all’omero che Marc Marquez ha subito il 3 dicembre, al Ruber International Hospital.  

In questo momento Marquez non può allenarsi come dovrebbe ma si sta lentamente riprendendo. E’ in attesa di un nuovo controllo medico ma tutto sembra che stia procedendo bene, tanto che Tetsuhiro Hikita, manager del Racing Management Office di HRC, ha rilasciato dichiarazioni positive in un'intervista con la testata giapponese “Mr. Bike”. 

La corsa contro il tempo


"Ovviamente non posso dire con certezza quando tornerà, ma Marc sta recuperando per tornare al 100%. Quel che è certo è che avremo una moto forte quando tornerà. Noi siamo preparandoci ad averla pronta per Marc”, annuncia Tetsuhiro Hikita.

“Nell'improbabile caso in cui non riesca a rientrare per la prima gara, avremo Stefan (Bradl) a supportarlo come l'anno scorso, ma stiamo anche pensando a come ridurre il carico di lavoro di Stefan", dice Hikita. “Se ci sarà solo un collaudatore, farà sia le gare che lo sviluppo, come lo scorso anno. Ma può darsi che dovremo cercare un pilota che possa fare da collaudatore della MotoGP. Stiamo considerando questa opzione”.

"Dovizioso? Non credo sia interessato"


Alla domanda se questa posizione possa essere ricoperta da Andrea Dovizioso, Hikita ha risposto con un sorriso.

"Non credo che sia il caso. Ci sono rumors che Andrea possa unirsi a noi, ma non credo che un pilota del calibro di Dovizioso sia interessato a una mossa del genere", ha sottolineato politicamente Hikita.  

Del resto, Dovizioso ha recentemente confermato di sentirsi ancora un pilota, e di non volersi relegare al ruolo di collaudatore.

Honda punta alla triplice corona


In Honda, intanto, per il 2021 si punta alla ricerca della "Triple Crown", ovvero la triplice corona: vincere il mondiale Piloti, Marche e Team.

"L'obiettivo per questo 2021 è fare di nuovo la tripletta. Nel 2020 non abbiamo potuto mostrare tutta la nostra forza, ma Honda resta forte", avverte Hikita.

MotoGP: Alex Rins si allena in minimoto con Albert Arenas