Il 2021 dovrà essere l'anno del riscatto per Maverick Vinales, reduce dall'ennesima stagione fatta di qualche gioia ma tanti alti e bassi.

Lo spagnolo avrà bisogno del massimo supporto da parte della Yamaha, rivelatasi ancora carente in termini di potenza e trazione rispetto alla concorrenza.

Le difficoltà tecniche del 2020


"A Jerez, eravamo tutti motivati ??e c'era una grande atmosfera nella squadra, ma un mese dopo eravamo persi. Non c'era una sola Yamaha che potesse essere usata come riferimento", ha spiegato Vinales alla rivista MCN.

"La mancanza di trazione della Yamaha non è nuova, ma sommata ai problemi al motore ci ha messo in difficoltà. Non dobbiamo dimenticare che nel terzo round, dopo Jerez, sapevamo di avere solo due motori rimasti per il resto della stagione. Non sapevamo quando avremmo dovuto cambiarli e non potevamo forzare con quelli che stavamo usando".

Spero che i giapponesi abbiano lavorato bene quest'inverno. Darò anche il massimo per progredire e migliorare"

Rossi out, Quartararo in 


Quest'anno Vinales non avrà più Valentino Rossi dall'altra parte del box: secondo l'opinione di Maverick, questo cambiamento potrà avere dei risvolti sia positivi che negativi.

"Avremo più libertà di lavorare nel box perché non è mai facile stare con una leggenda", ma c'è anche un rovescio della medaglia.

"La sua partenza mi fa perdere un po' motivazione", ha analizzato lo spagnolo. "Per me battere Valentino è stato sempre uno stimolo. Devo ammettere di aver imparato molto da Vale. All'inizio non capivo perché sorrideva sempre quando le cose non andavano bene, quando concludevamo le gare in ??decima posizione. Grazie a lui ora sono più positivo e più forte mentalmente".

L'ultima battuta riguarda il nuovo compagno di squadra Fabio Quartararo: "Con Fabio faremo bene, è veloce e giovane. Abbiamo lo stesso modo di affrontare la competizione".

MotoGP, Uccio sul futuro di Rossi e sugli sfortunati test di Portimao