Un nuovo accordo assicura per almeno altri cinque anni il futuro del rapporto fra IRTA, i team indipendenti della MotoGP e Dorna. Ad annunciarlo è proprio la società promoter della MotoGP: la partnership si rinnova per il quinquennio dal 2022 al 2026.

La storia


IRTA - International Road-Racing Teams Association - è stata costituita nel 1986 per garantire che gli interessi dei team del Grand Prix siano rappresentati e tutelati.

Da quando Dorna Sports è diventata detentrice dei diritti commerciali mondiale MotoGP, nel 1992, IRTA è stata una parte vitale del sempre crescente successo della MotoGP. Questo è il settimo accordo firmato tra IRTA e Dorna, poiché entrambe le parti lavorano insieme per aumentare il sostegno sportivo e finanziario con l'obiettivo di livellare il campo di gioco.

Il crescente successo degli Independent Teams è una pietra angolare dei livelli record di competizione di cui gode questo sport nell'era moderna. Nel 2020 sono stati ben nove vincitori diversi in MotoGP, raggiungendo livelli storici di parità sulla griglia, con le squadre indipendenti in costante contesa per il podio e anche le vittorie. Questo è il secondo accordo quinquennale firmato tra IRTA e le squadre indipendenti.

Il ruolo dell'IRTA


Solo nel 2020, cinque Case hanno conquistato il podio della classe regina e nove squadre hanno terminato una gara sul podio, di cui quattro erano indipendenti. Due squadre indipendenti si sono aggiudicate la vittoria assoluta, ottenendo ben otto delle 14 vittorie nella classe regina disponibili nel 2020.  

Il ruolo di IRTA si estende anche alla logistica e all'organizzazione, assicurando che il paddock sia lo spazio più sicuro, pulito ed efficiente per tutti coloro che vi lavorano.

IRTA è essenziale anche per il continuo successo delle classi Moto2 e Moto3, che costituiscono la “filiera” verso la classe regina. Sebbene gli accordi con i team nelle classi intermedie e leggere vengano rinnovati ogni anno, questa proroga di cinque anni afforza anche il futuro della Moto2 e della Moto3 oltre ad aumentare il supporto finanziario per entrambe.

Poncharal: "Faremo un passo avanti"


"La stagione 2021 di MotoGP non è ancora iniziata, ma abbiamo già grandi notizie da annunciare al mondo”, ha detto Hervé Poncharal, Presidente IRTA. “Dorna, IRTA e i team indipendenti della classe MotoGP hanno già deciso di estendere la loro partnership per altri cinque anni dal 2022 al 2026. Questa è la migliore notizia che potremmo avere.

"I tempi non sono facili in questo momento, quindi avere sicurezza e visibilità e poter continuare a lavorare con lo stesso partner è sempre un grande vantaggio, ha aggiunto Poncharal. “Avere un promoter come Dorna dalla nostra parte, guidato da Carmelo Ezpeleta , è come un sogno per tutti noi. Dal 1992, anno in cui abbiamo iniziato a lavorare insieme, il rapporto è stato ottimo ed è migliorato ogni anno.

"Ogni domanda o richiesta che sorga dai team o dai piloti è sempre tenuta in grande considerazione da Dorna. La sicurezza, le corse, il lato tecnico e lo spettacolo sono sempre migliorati e sono convinto che il 2020 sia stato un anno incredibile, dove abbiamo visto nove diversi vincitori e una battaglia avvincente in ogni round. lavoro svolto da Dorna, IRTA, i costruttori e le squadre.

"Ringrazio Carmelo Ezpeleta e l'intera organizzazione della Dorna per essere stati dalla nostra parte e averci fatto sognare per altri cinque anni. Di sicuro faremo un passo avanti e miglioreremo ancora per cercare di avere il miglior spettacolo possibile", ha concluso Poncharal.

Ezpeleta: "La MotoGP a nuovi livelli"


"Non potremmo essere più felici di annunciare un altro accordo quinquennale con IRTA e le squadre indipendenti. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto fino ad ora e non vedo l'ora di continuare la nostra collaborazione”, ha detto Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports.

"Una delle prime cose che abbiamo fatto quando abbiamo iniziato in MotoGP è stato cominciare a lavorare a stretto contatto con IRTA, e i livelli storici di competizione e interesse per lo sport sono un risultato che siamo orgogliosi dix condividere.

"Mi fa molto piacere guardare i nostri Independent Teams che si stanno rafforzando e non vedo l'ora che arrivino almeno altri cinque anni di lavoro insieme, per spingere ancora una volta la MotoGP a nuovi livelli. Voglio anche estendere il mio personale ringraziamento a Mike Trimby e Hervé Poncharal, il loro contributo al campionato e allo sport è inestimabile e il rapporto non potrebbe essere migliore", ha concluso Carmelo Ezpeleta.

MotoGP: Marc Marquez voleva rinunciare allo stipendio 2020