Fausto Gresini non è ancora fuori dal tunnel post-COVID-19. Già, perché il maledetto virus è stato debellato ormai da qualche giorno, ma quello che desta preoccupazione è l’infiammazione polmonare che ne è derivata.

Le ultime notizie che il figlio Lorenzo aveva condiviso erano positive, ma poi per alcuni giorni sul sua profilo social non sono apparse altre comunicazioni. Fino a oggi.

Sedazione profonda


“Non scrivo da qualche giorno per via di un improvviso peggioramento delle condizioni generali avvenuto nella notte fra venerdì e sabato”, scrive Lorenzo Gresini. “Ora la situazione è stabile e con valori sufficienti, babbo è stato sedato nuovamente in modo profondo. Sono state iniziate nuove terapie per combattere la grave infiammazione polmonare, seguiranno aggiornamenti nei prossimi giorni”, promette Lorenzo.

Sotto al suo post, centinaia di messaggi di incoraggiamento per Fausto.

“Caro Fausto sappilo ma siamo davvero tutti con te, ti siamo vicinissimi e con il fiato sospeso in questa situazione assurda”, scrive il collega giornalista Giovanni Di Pillo, collaboratore di Motosprint. “Noi tutti sapevamo di volerti un bene infinito ma questa tua battaglia ci ha fatto capire tante cose e ci ha fatto rivivere anni e anni di bellissime avventure vissute insieme. Ebbene caro Fausto non fare scherzi e lotta con la tua solita forza e determinazione. Per tutti noi sei ormai l'ultimo Eroe di una stirpe di cavalieri ormai scomparsi. Un folle sognatore innamorato della vita e delle moto. E siccome solo i folli hanno bellissimi sogni, tu sei riuscito addirittura a realizzarli. Come Uomo, come Amico, come Pilota e come Manager.

“Chi ha avuto il privilegio e la fortuna di averti frequentato oggi ha la certezza che sei davvero l'unico eroe pulito e coraggioso di questo strano mondo delle moto da pista. L'ultimo cavaliere Jedi in grado di rappresentare tutti noi innamorati romantici di questo bellissimo sport di cui te sei la vera bandiera. Quindi non mollare e sappi che siamo migliaia in silenzio a soffrire con te”, conclude Di Pillo.

MotoGP, Dovizioso: “L'anno in Yamaha l'unico che non mi è piaciuto”