Marc Marquez compie 28 anni: ad un giorno esatto dal compleanno di Valentino Rossi, oggi tocca al pilota Honda spegnere le candeline. Per lui, quello appena passato è stato un anno “anonimo” dal punto di vista dell'azione in pista, ma che di certo ricorderà per ciò che gli è accaduto e l'attesa adesso è di rivederlo tornare a gareggiare come una volta.

Il desiderio più grande


Mentre a Cervera Marquez sta proseguendo con la riabilitazione al braccio che nel 2020 è stato sottoposto a ben tre interventi, nel giorno del suo 28esimo compleanno siamo tutti convinti che l'unico desiderio che potrà esprimere soffiando sulle candeline sarà quello di tornare a correre il prima possibile.

Del resto la stagione 2021 sta per ripartire e non è soltanto lui a voler tornare in pista: anche i suoi colleghi e rivali lo stanno acclamando a gran voce. Primo tra tutti il Campione del Mondo in carica Joan Mir che ha detto più volte di voler vincere un altro titolo quando ci sarà anche Marc come avversario.

Intanto, per primo, questa mattina è stato proprio il fratello Alex a fargli gli auguri e attraverso i social a voluto mandargli un messaggio speciale: “Auguri Marc! E che questo anno possa essere pieno di salute, ma soprattutto che tu possa tornare a godere della tua più grande passione”.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Alex Ma?rquez Alenta? (@alexmarquez73)

28 anni all'insegna del talento


E' scontato dire che, seppur il 2020 sia stato un bellissimo Campionato MotoGP, l'assenza di Marquez si sia fatta sentire: lui che ci ha sempre abituato ai colpi di scena, a riprese folli della moto e a missioni impossibili (come l'unica del 2020 quando puoi è caduto e si è fratturato l'omero del braccio destro), ha lasciato un piccolo vuoto che soltanto il suo rientro potrà colmare.

Del resto, il ruolino di marcia che ha avuto in fatto di successi dal suo esordio nel Motomondiale nel 2008 parla da sé: otto Mondiali vinti di cui uno in 125cc, uno in Moto2 e sei in MotoGP. Al suo primo anno in top class è riuscito ad ottenere ben sei vittorie e sei secondi posti laureandosi Campione del mondo nel suo anno da rookie. Questo ha fatto si che Marquez diventasse un pilota da record: nel 2013, grazie alla vittoria ottenuta nel Granpremio delle Americhe, è diventato il più giovane a vincere una gara in top class. La prima delle tante vittorie ottenute che lo hanno portato a conquistare il titolo nel 2014 con tredici gare vinte e tredici pole position, per ripetersi poi nel 2016, 2017, 2018 e 2019 regalando al Team Honda una successo dopo l'altro.

E' inutile dire, quindi, che un ragazzo come Marc è tra i piloti che possono lasciare un segno indelebile nella storia della MotoGP, e che può ancora dare tanto a questo sport: l'augurio, quindi, è di vederlo tornare presto a correre, ma soprattutto che quanto gli è accaduto non sia andato ad intaccare il grande campione che ha dimostrato di essere. Tanti auguri Marc Marquez!

MotoGP: Vinales e Quartararo puntano su Crutchlow per risolvere i problemi