I piloti di oggi nutrono nei confronti del motociclismo una passione viscerale, avendo iniziato a correre in tenerissima età. Come si suole dire nei casi di precocità, avranno iniziato ad andare in moto prima ancora di camminare e Fabio Quartararo (qui le sue prime dichiarazioni da pilota ufficiale Yamaha) ha condiviso sui social una delle prime foto che lo vede indossando tuta e casco, scattata ipotizziamo in una pausa tra un allenamento e l’altro.

MotoGP: Vinales e Quartararo puntano su Crutchlow per risolvere i problemi

Ieri e oggi


Questo bel salto indietro l’ha fatto per mostrare poi oggi dove è arrivato, ovvero a vestire i panni ufficiali di un produttore, la Yamaha, che ha deciso di credere in lui, nelle sue capacità. La Casa di Iwata l’ha preferito a Valentino Rossi, gli ha dato fiducia e dopo tutti i grandi sacrifici fatti - da lui e dalla sua famiglia - potrà finalmente rappresentare una Casa su una moto che fin da subito ha saputo interpretare al meglio. La didascalia della foto recita: "15 anni di dedizione, lavoro e bei momenti per arrivare qui". Quindici anni passati in un lampo. Chissà cosa gli riserveranno i prossimi quindici...

Ecco il post:

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Fabio Quartararo (@fabioquartararo20)

Yamaha MotoGP, Meregalli: "La parola chiave è la costanza"