Mentre Lorenzo Savadori è impegnato in questi giorni a Jerez insieme ad Aleix Espargarò per portare avanti lo sviluppo della RS-GP21, Bradley Smith, ancora legato ad Aprilia ma in attesa di conoscere il suo futuro tra tester o prima guida, si sta guardando intorno per tenersi in allenamento in vista di una eventuale chiamata di Massimo Rivola. 

I contatti sono continui - dice il 30enne dell’Oxfordshire - Aprilia deve decidere cosa è meglio per il loro progetto a breve e lungo termine ed io devo decidere cosa è meglio per me e la mia carriera.”

Prosegue l’inglese: “In un mondo ideale, dovrei essere clonato, perché se fossi pilota e collaudatore sarebbe lo scenario migliore per Aprilia ma come sappiamo non è possibile. Quindi per Aprilia, sembra la cosa migliore se sviluppo la moto e faccio delle wild card perché possiamo portare avanti il ??progetto, se invece Savadori fosse il collaudatore non andremmo da nessuna parte - da qui i commenti di Rivola sulla decisione per la seconda moto 'non riguarda esclusivamente il tempo sul giro 'perché sanno che sono il pilota più veloce”.

Il "Progetto 109"


Con il suo agente Bob Moore impegnato a portare avanti i negoziati con Massimo Rivola ed Aprilia, Smith si sta occupando di altri aspetti, dopo aver lanciato ad inizio settimana scorsa sulla sua pagina Instagram un post titolato “Progetto 109 completo” con una Yamaha R3, Claudio Corti, Valli Moto e YART taggate nel post. Su questo progetto Smith ha detto: “Stiamo cercando di capire come allestire un team nella ESBK300, sperando di partecipare già nel 2021 o nel 2022 Covid permettendo con la speranza di disputare qualche wild card nella SSP300 Mondiale se riusciamo in fretta a completare tutto.” 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Bradley Smith (@bradleysmith38)

Poi aggiunge: “Oscar Picañol, ha un Artic e un workshop con sede appena fuori Barcellona, ??quindi sarà una joint venture per coltivare giovani talenti e dare la stessa guida che ho avuto la fortuna di ricevere con la MOTOGP Academy nel 2005.”

Parlando del “Progetto 109” Bradley Smith dice che è un “progetto in continua evoluzione tra me e Corti, da qui il titolo, 71 + 38. Il Progetto 109 correrà parallelamente al team di gara fornendo giornate di coaching specificatamente rivolte alla categoria 300.”

La 300 ed i corsi di guida


La categoria 300 è un'ottima base economica per le moto ‘da allenamento - aggiunge l’inglese - Aprilia ha le sue 250GP, Yamaha R3, KTM 390 e Kawasaki 400. Quindi stiamo anche esaminando come possiamo fornire giornate in pista ed istruzione in pista in Italia, perché proprio come nel Regno Unito, è difficile entrare in pista sotto i 16 anni, a meno che tu non vada alla pista locale di pitbike / kart. Ho acquistato 2 Yamaha da YART per iniziare a girare e spero di lanciare alcune date in Italia in un futuro non lontano, dove non solo ci alleneremo ma correremo anche con i piloti in pista.”

Smith poi parla anche dei corsi in Inghilterra e del campionato che sta targettando: “Sto parlando anche con Silverstone per vedere come organizzare i corsi sia lì che sui tracciati inglesi, nei diversi layout. Sto tenendo d’occhio anche la Superstock Junior nel BSB e vorrei che il nostro team portasse piloti in Spagna per guidarli nelle migliori scelte, che siano il WSBK o la Rookes Cup verso la MotoGP.

Il Campionato Spagnolo Superbike partirà, Covid permettendo, da Jerez i primi di Aprile con la Superbike prevista invece per la fine del mese ad Assen, lasciando quindi solamente due mesi al progetto per essere completato in tempo per scendere in pista.

Per contattare il team: teambs38@gmail.com e corticlaudio@yahoo.it

SBK, rumors dal paddock: Bradley Smith con Ten Kate