La pandemia di Coronavirus sta ancora condizionando la vita di ognuno di noi e Dorna sta lavorando duramente per garantire che la stagione inizi dal circuito di Losail, in Qatar (e il rientro di Marc Marquez è ancora un mistero) come finora è sempre stato riportato nel calendario officiale 2021 diffuso. In Qatar, inoltre, si terranno anche i due test pre-stagionali, per un totale di sei giorni, e questo unito ai due GP iniziali prevederebbe che team e piloti MotoGP resteranno nel Paese per un mese.

Il tweet di conferma


A dare un segnale positivo che tutto quanto si svolgerà come da programma è il canale ufficiale MotoGP che su Twitter ha condiviso una foto la cui didascalia recita: “Siamo al lavoro per garantire un inizio sicuro e protetto del 2021. Il CEO di Dorna Sports Carmelo Ezpeleta ha incontrato lo sceicco Khalid bin Khalifa bin Abdul Aziz al-Thani, il Primo Ministro del Qatar, in vista del prossimo Test in Qatar e dell'apertura della stagione!Parole che provano a infondere sicurezza e tranquillità, in una situazione che però ha ancora delle incognite.

MotoGP, Ezpeleta: "Marquez? Quando tornerà farà di tutto per vincere"

Un calendario tutto europeo?


Infatti come l’anno scorso sarà la pandemia a decidere quale stagione ci attenderà quest’anno, e le conseguenti restrizioni che i divesi governi decideranno di imporre. Le tappe extra europee sembrano le più a rischio, ad oggi, e non è da escludere che anche nel 2021 il campionato MotoGP si terrà completamente nel vecchio continente. Se il Qatar dovesse saltare, la stagione potrebbe partire dal Gran Premio del Portogallo, in programma oggi il 18 aprile, appuntamento inserito in calendario al posto di quello americano. 

MotoGP, gravi perdite economiche per Aragon. Rinnovo con Dorna a rischio?