Il mitico Dottor Claudio Costa ha spento oggi, 20 febbraio 2021, 80 candeline. Una vita spesa a curare le ferite dei piloti, non solo fisiche ma anche quelle dell'anima.

La Clinica Mobile


Risale al 1977 l'invenzione della Clinica Mobile, struttura che ha salvato vite e carriere fino al giorno d'oggi e di cui Costa è rimasto a capo fino al marzo 2014. La Clinica Mobile è stata - ed è tutt'ora - una garanzia per tutti gli infortunati, un porto sicuro dove attraccare nei momenti di dolore e sconforto.

Tanti i miracoli sportivi compiuti da Costa grazie alla sua rapidità nella diagnosticare la giusta diagnosi: dal rientro di Doohan dopo l'infortunio subìto in Olanda nel 1992, fino al recupero lampo di Jorge Lorenzo ad Assen 2013.

L'impegno letterario


Nel corso degli anni ha scritto molti libri, da "Dottorcosta" passando per "Alex guarda il cielo", incantando il mondo con il suo modo meraviglioso di intrecciare filosofia e mitologia. 

Buon compleanno Dottor Costa, grazie per tutte le emozioni che ci hai regalato.

MotoGP, Dr. Costa: “Bisognava pensare prima al trapianto per Marquez”