Cambia tutto in casa Pramac Racing Ducati, con la squadra italiana che affiderà le moto al rookie Jorge Martin e a Johann Zarco, al secondo anno con la Desmosedici dopo un buon 2020 come pilota di punta del team Esponsorama.

Un arrivo in Ducati che ha dato al francese una sorta di "seconda giovinezza", dopo la sfortunata parentesi con la KTM. Il trentenne è certo di trovarsi nel posto giusto per puntare a grandi risultati: "Sono qua per poter lottare nelle posizioni di vertice e giocarmi il podio. Lo scorso anno il campionato è stato estremamente incerto e con tanti vincitori diversi, perciò dobbiamo cercare di vincere anche noi".

"Dopo gli ultimi anni molto difficili, arrivare in Ducati mi ha permesso di tornare al top ed essere nuovamente competitivo. Ora ho i mezzi giusti per confermarmi e sono sicuro che, dopo aver imparato a guidare al meglio questa moto, posso mettere in pratica il tutto potendo contare su un supporto ufficiale", spiega il francese.

"Voglio una moto facile e veloce"


Zarco ha dimostrato anche di avere le idee chiare su ciò di cui ha bisogno per essere competitivo: "Ora che godrò al massimo del supporto Ducati, cercherò di dare le giuste indicazioni per migliorare la moto e adattarla anche al mio stile di guida, diverso da quello classico. L'importante sarà avere una moto facile da guidare, perchè la Desmosedici è una moto che dà fiducia ed è molto potente, perciò renderla più facile la farebbe diventare una moto perfetta".

Infine, è stato anche svelato un retroscena sull'arrivo di Johann nel team Pramac, che lo voleva già ai tempi della Moto2: "Quando ho vinto il mio secondo titolo mondiale in Moto2, avevo ricevuto diverse offerte tra cui quella del team Pramac, ma poi abbiamo preso strade diverse. Evidentemente, era comunque destino che ci incontrassimo e sono felice di essere qui".

Moto2: Forward Racing punta alla vetta con Corsi e Baldassarri