Prima la pandemia ha reso complicato lo svolgimento del campionato 2020 e quando poi finalmente è iniziata la stagione del team Honda ufficiale ha avuto una battuta d’arresto con l’infortunio che Marc Marquez ha rimediato. La non ottima gestione e il suo rapido ritorno in pista hanno fatto sì che lo spagnolo alla fine perdesse l’intera stagione e ad oggi non è ancora chiaro quando potrà rientrare.

"Si deve reagire"


Il manager Alberto Puig ha ammesso: “Impariamo tutti i giorni, non solo dal 2020. Abbiamo capito che le cose possono succedere, ma soprattutto quest’anno la situazione è stata molto complicata anche per questa pandemia che ha cambiato la nostra vita”. La situazione in pista è stata tutt’altro che facile e Honda non ha vinto neanche una delle 14 gare: “Per il team Repsol Honda è stato un brutto inizio: abbiamo perso il nostro campione per tutto l’anno. Si deve reagire. Quando nella vita si ha un problema, poi questo si trasforma in un’opportunità per imparare, quindi crediamo di aver imparato da quanto accaduto e lo mostreremo in futuro”.

Obiettivi 2021


Ora è arrivato il momento di rifarsi, anche se non è ancora stata decisa la data di ritorno in pista di Marc Marquez. Puig ha raccontato: Le aspettative di Honda sono sempre di provare a vincere il titolo e tutto quanto possibile. Questo è il dna dell'azienda e vogliamo raggiungerlo”. La Casa alata vuole tornare a stare sul tetto del mondo ad ogni costo: “Sappiamo che abbiamo dei rivali, che vogliono lo stesso, ma ci focalizziamo su vincere il titolo, migliorare la nostra moto ed essere ogni giorno più forti nel nostro lavoro”.

Il compito di Marquez


Puig ha grandi aspettative anche sul 28enne, nonostante sia rimasto per tanto tempo lontano dalla pista: “Non è stato un infortunio grande quello di Marc, ma l’ha tenuto per tanto tempo lontano dalle corse. Questo non può cambiare chi è lui, cioè un vero campione”.  L’infortunio non l’ha scalfito: “Non so se sarà un Marquez diverso, ma troverà il modo di essere ancora Marc Marquez. Questo lo può fare solo lui stesso, il team lo aiuterà al 100% come sempre. È importante quello che lui si aspetta da sé stesso e cosa pensa di fare che deve fare per tornare a mostrare il suo totale potenziale”.

MotoGP, Suppo crede in Marquez: "Se sta bene può vincere il titolo"