Lunedì 1 marzo sarà il primo giorno di Valentino Rossi nel Team Petronas SRT:  l'inizio di una nuova era, l'ultima fase della carriera del nove volte campione del mondo. L'attesa è tanta, specie all'interno della squadra malese, che non aveva mai ospitato un pilota così blasonato prima d'ora.

L'importanza dell'ambiente nel box


L'entusiasmo trapela anche dalle parole di Razlan Razali, direttore sportivo del team.
"Vogliamo riportarlo ad essere competitivo, vogliamo che sia sempre presente. Ci auguriamo che possa essere un po’ più rilassato nel nuovo ambiente che gli offriremo", ha dichiarato Razali al sito della MotoGP. "Lavorerà accanto a Franky, che conosce da molto tempo, creeremo una grande atmosfera nel box. Credo che sia importante per lui avere un buon ambiente, la pace interiore per godersi le corse".

Razali ha raccontato un retroscena riguardo il primo scambio di idee avuto con Rossi prima di firmare il contratto: Ha una certa aura su di lui, come una leggenda vivente che ami come fan. Quando l’ho ‘incontrato’ per la prima volta, in una videoconferenza, mi è venuta la pelle d’oca. Ci siamo seduti con lui tra Misano-1 e Misano-2. Quando lo vedi sei sopraffatto. Ma quando gli parli, è solo un bravo ragazzo".

"Orgogliosi di avere Vale con noi"


Sulla stessa lunghezza d'onda il team manager Wilco Zeelenberg: "Siamo molto orgogliosi di avere Vale a bordo perché è ancora la leggenda di questo sport. Credo che rimarrà così per molti anni a venire. Vogliamo ottenere quel tocco in più da lui e faremo tutto il possibile per riportarlo sul podio".

MotoGP, Razali: “Valentino è un mentore, sono curioso di lavorare con lui”