Archiviato un 2020 in cui per varie vicissitudini non è stato possibile mostrare il vero potenziale della RS-GP, l'Aprilia Racing Team Gresini sarà impegnato quest'anno in MotoGP con l'obiettivo di ridurre il distacco dalle altre Case e poter finalmente lottare per le posizioni di alta classifica con Aleix Espargarò e Lorenzo Savadori.

Romano Albesiano, direttore tecnico di Aprilia Racing, ha confermato il tutto: “Dal punto di vista tecnico, la moto di quest'anno è un'evoluzione del modello 2020, con cui ci auguriamo di poter migliorare le prestazioni e colmare il gap che lo scorso anno ci separava dalle posizioni di vertice. Sia Aleix che Lorenzo hanno già avuto modo di provare la moto a Jerez con ottimi riscontri”.

"L'aerodinamica è un aspetto fondamentale"


Abbiamo un piano di sviluppo per questa stagione davvero fitto”, prosegue Romano. “E' difficile riuscire ad indicare quale delle novità sia la più importante quest'anno, perchè la competitività del mezzo deriva da tutti i fattori messi in correlazione tra loro. Sicuramente un aspetto fondamentale è quello riguardante l'aerodinamica, che è una seconda versione di quella utilizzata già lo scorso anno”.

Albesiano ha poi indicato i circuiti in cui sarà possibile vedere il vero potenziale della RS-GP: “La moto è, come detto, uno step in avanti rispetto a quella dello scorso anno. Le piste in cui sarà possibile notare a tutti gli effetti i passi in avanti saranno Jerez, Mugello e Misano, che sono quelle in cui abbiamo potuto provare e dove i nostri piloti riescono ad esprimersi al meglio con il mezzo a loro disposizione”.

"Abbiamo una buona line up di piloti"


Parlando poi dei piloti, il direttore tecnico si aspetta grandi prestazioni da Aleix Espargarò: “Abbiamo una buona line up di piloti. Aleix è con noi ormai da diversi anni e cercheremo di fare il possibile per permettergli di mostrare tutto il potenziale, sia suo che della moto. Per Lorenzo sarà la prima stagione completa in MotoGP, ma abbiamo visto che impara in fretta ed è molto veloce. Per quanto riguarda il test team, invece, a breve annunceremo chi sarà il nostro nuovo collaudatore, ma anche i piloti titolari porteranno avanti lo sviluppo”.

Infine, non è mancata una battuta su ciò che accadrà nel 2022, quando Aprilia diventerà una squadra Factory a tutti gli effetti separandosi dal team Gresini con cui collabora dal 2015: “Anche se dal 2022 diventeremo un team Factory, in realtà non ci saranno grandi cambiamenti nel nostro metodo di lavoro. Infatti, anche se ci siamo appoggiati ad un'altra squadra in questi anni, abbiamo effettuato il tutto come una squadra ufficiale”.

La MotoGP pronta a tornare in Ungheria nel 2023