Tra i piloti della MotoGP che hanno potuto prendere parte allo shakedown di questa prima giornata di test a Losail c'è anche Jorge Martin, esordiente nella classe regina con la Ducati Desmosedici del team Pramac.

Lo spagnolo si è detto soddisfatto di questa prima presa di contatto: “E' stata una buona prima giornata. Tutti mi hanno parlato della MotoGP come qualcosa di pazzesco e, una volta provata, ho capito che cosa intendevano. Sono contento perchè, nonostante il forte vento e la pista abbastanza sporca, sono riuscito ad essere immediatamente veloce e far registrare buoni tempi sul giro. Ho molto da imparare, ma non vedo l'ora di tornare in sella”.

Ciò che ha colpito maggiormente Jorge è stato il cambio elettronico: “Il cambio della MotoGP è incredibile. Funziona così bene che a volte sembrava non avvenisse il cambio marcia, non si perde potenza e, una volta arrivato alla soglia dei 340 km/h, la sensazione che ho provato è stata indescrivibile. Rispetto alla Moto2 è tutto profondamente diverso”.

“La caduta non ha compromesso il programma della giornata”


Martin è stato anche protagonista di una caduta a fine giornata, che tuttavia non ha compromesso il lavoro previsto dalla squadra: “Sono caduto durante l'ultimo giro del programma che ci eravamo prefissati per oggi. E' stata una scivolata innocua alla curva 3 e, anche se avrei preferito non farla, anche il team mi ha rassicurato dicendomi che è normale e che, andando forte, questi episodi possono capitare”.

Pensando poi agli altri esordienti, il 23enne è sicuro che tra lui, Marini e Bastianini ci sarà una bella lotta per il titolo di Rookie of the Year: “Siamo tre esordienti di alto livello. Enea è il campione del mondo della Moto2 in carica e anche Luca è molto veloce. Dalla mia parte, so di avere una grande squadra alle mie spalle ed una moto molto competitiva, ma tra di noi ci sarà sicuramente una bella battaglia nel corso della stagione”.

MotoGP, Crutchlow: “È triste non avere piloti britannici in Top Class”