Prima giornata di test conclusa anche per Michele Pirro, infaticabile tester Ducati che sta mettendo alla frusta la GP21 anche tra le curve di Losail.

Il pugliese ha completato un totale di 58 giri con il miglior crono di 1'58"056, riscontrando buone sensazioni e raccogliendo primi importanti riferimenti. Pirro ha portato in pista alcune novità, come dei nuovi convogliatori di flusso nella parte bassa della carena

Se Pirro continua a girare senza sosta, Pecco Bagnaia e Jack Miller scalpitano per esordire in pista con i colori del team ufficiale.

Miller entusiasta


"Sono molto entusiasta di essere finalmente qui in Qatar per il primo test dell’anno e la mia prima uscita in pista in veste di pilota ufficiale Ducati", ha dichiarato il pilota australiano. "Ho aspettato a lungo questo momento e non vedo l’ora di lavorare insieme alla mia nuova squadra. Questi cinque giorni di test saranno molto importanti per noi: il Gran Premio inaugurale della stagione si terrà qui al Losail International Circuit fra poche settimane".

Miller vuole iniziare la stagione al top: "Il mio obiettivo è quello di iniziare la nuova stagione positivamente, riprendendo da dove abbiamo terminato lo scorso anno. Sarà fondamentale riuscire a capire il più possibile durante questi giorni per individuare una solida base sul quale continuare il nostro lavoro durante il fine settimana di gara”.

Bagnaia teme il forte vento che soffia su Losail


Pecco Bagnaia non sta più nella pelle: "Non vedo l’ora scendere in pista domani per la prima volta indossando i colori del team ufficiale! Ci aspettano cinque giornate di test molto impegnative: rispetto alle passate stagioni, quest’anno abbiamo a disposizione poco tempo per prepararci bene all’inizio del campionato".

Il pilota piemontese sa che le incognite in non mancheranno: "Purtroppo, il forte vento sta condizionando molto l’attività in pista, ma cercheremo comunque di fare il massimo e sfruttare al meglio tutte le sessioni disponibili. Le prime due gare si disputeranno qui a Losail, perciò sarà importantissimo riuscire a trovare fin da subito una buona messa a punto”.

MotoGP, Crutchlow: “È triste non avere piloti britannici in Top Class”