Si è conclusa con il 14° tempo, a 7 decimi dalla vetta, la prima giornata di test per Valentino Rossi con i colori del Team Petronas SRT.

Nuova avventura


Di nuovo c'è solo il colore: "Mi sono divertito tanto, stamattina ero eccitato ma in realtà cambia poco", ha spiegato Valentino dal Qatar. "La moto è la stessa, nel team c'è una buona atmosfera. Alla fine il risultato di oggi non è fantastico ma non è andata così male: il passo era abbastanza buono. Il primo contatto è stato positivo" .

"Iniziare una nuova avventura, con team e colori nuovi, mi dà motivazione, era tutto più strano all'inizio ma alla fine la moto è sempre la M1. Cambia il vestito, ma il resto è uguale".

"La Yamaha sta lavorando per risolvere i problemi"


Dopo il primo impatto con la nuova squadra, il pesarese deve pensare a risolvere i problemi riscontrati con la sua Yamaha nel corso della scorsa stagione. Il materiale da provare non manca, a cominciare dal nuovo telaio.

"La Yamaha ha lavorato duramente inverno, oggi abbiamo testato poco ma abbiamo lavorato sulla base. Proveremo alcune novità nei prossimi giorni", ha assicurato il nove campione del mondo. "Il primo contatto col telaio nuovo non è stato male ma ho fatto solo 6/7 giri. Proveremo ad avere le idee più chiare nei prossimi giorni. Il circuito di Losail non è il più adatto per provarlo, qui non ci sono curve strette in stile Valencia o Portimao".

Il rapporto con Morbidelli


Valentino non ha solo cambiato team, ma anche lato nel box, cedendo quello sinistro al compagno Franco Morbidelli: "Non è così importante stare sul lato destro del box, Morbido è felice di stare nel lato sinistro. Franco dice che urlo quando parlo con i tecnici? Quando hai i tappi nelle orecchie urli, devo stare più attento (ride, ndr). Morbido è il miglior compagno di squadra che potessi immaginare, sta facendo paura, anche oggi è andato forte. C'è un rapporto speciale tra me e lui".

Marini e Quartararo


Valentino non ha avuto modo di incrociare il fratello Luca Marini, al debutto sulla Ducati Esponsorama: "È difficile organizzare un run insieme, ma prima del test proveremo a farne uno", ha detto Rossi, prima di concludere parlando di Fabio Quartararo. 

Oggi il francese è stato più lento del 46, ma Valentino non dà peso ai tempi ottenuti: "Ci sono tante variabili, bisogna andare a vedere i dati. Franco è andato forte, è stato il migliore delle Yamaha, per Quartararo era il primo giorno ma non guardo tanto i piloti del team ufficiale. Devo pensare a me stesso".

MotoGP: Bagnaia: “Una caduta da pirla, ma non mi scoraggio