Tra le novità di questo 2021 rientra certamente la coppia del team Ducati factory: salutati Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, il presente e futuro di Borgo Panigale è rappresentato dal duo Jack Miller-Pecco Bagnaia.

Un duo molto giovane (26 anni l'australiano, 24 l'italiano), che rappresenta un chiaro cambio di rotta per Ducati, decisa a puntare sui giovani per aprire un nuovo ciclo, possibilmente vincente.

Jack punta al bersaglio grosso


Durante i recenti test disputati in Qatar, Jackass ha già messo in chiaro le sue intenzioni in vista della nuova stagione: il 43 è andato forte, fortissimo, chiudendo la prima due giorni di test in seconda posizione, a soli 77 millesimi dal primatista Fabio Quartararo. Più alto il distacco di Pecco dalla vetta - nono alla fine dell'ultima giornata -, quantificabile in 7 decimi.

Sono solo test, ma rappresentano già un indizio di ciò che potremo vedere in questo 2021: Miller vuole sfruttare l’occasione della sua carriera, candidandosi apertamente a prima guida del team Ducati sognando, magari, il titolo iridato. 

Il 26enne di Townsville ha concluso la stagione 2020 in crescendo, ottenendo due secondi posti dietro all'italiano Franco Morbidelli. Proseguire seguendo questa scia positiva è l'obiettivo dell'australiano, deciso a trovare quel successo che gli manca da Assen 2016.

Bagnaia non gli renderà la vita facile: durante i test di Losail ha lavorato duramente, aumentando giro dopo giro la sua confidenza con la Desmosedici GP21. Per riuscire nell'intento, Pecco dovrà compiere necessariamente uno step in termini di costanza rispetto alla scorsa stagione, condizionata da qualche errore di troppo e dall'infortunio alla tibia destra accusato a Brno. 

Parola alla pista


Il primo banco di prova sarà il GP del Qatar, previsto per il 28 marzo. Una pista storicamente favorevole alla Ducati, dove Jack e Pecco potranno puntare a risultati importanti. Una buona occasione per chiarire subito le gerarchie all'interno del box.

MotoGP, Miller: “In gara, saremo tutti ancora più ravvicinati