La terza giornata di test sul tracciato qatariota di Losail è stata estremamente positiva per Johann Zarco, che ha chiuso al quarto posto con un tempo pari a quello di Pol Espargarò. Per il portacolori del Team Pramac, 65 giri compiuti nel corso della sessione e la velocità più alta fatta registrare in rettilineo, con 352,9 km/h.

Il francese si è detto soddisfatto del lavoro svolto: “Abbiamo provato tante novità sulla moto, sia aspetti importanti, sia piccoli particolari. Oggi sono stati proprio quei particolari ad avermi permesso di fare la differenza, perchè sono migliorati sia il tempo sul giro, sia soprattutto il controllo del mezzo e il mio feeling in sella. Per il momento abbiamo tutto sotto controllo e mi aspetto di continuare così nei prossimi giorni”.

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Diatribe social? Mi divertono”

"Bello potersi confrontare con i piloti Factory"


A proposito della moto, avere a disposizione la stessa Desmosedici utilizzata anche dai piloti ufficiali è un grande vantaggio per il pilota del team Pramac: “Lo scorso anno potevo dare le mie indicazioni agli uomini Ducati, ma si basavano su una moto ormai datata. Quest'anno, invece, posso dare un contributo diretto anche alla squadra ufficiale grazie alle mie impressioni e alla possibilità di confrontarmi con i piloti Factory, velocizzando anche lo sviluppo”.

Johann è anche sicuro che la nuova moto possa essere competitiva in tutti i circuiti: “Qui in Qatar la Ducati va sempre fortissimo e ha un motore che ci aiuterà molto anche durante il weekend di gara, perciò non siamo preoccupati. Per le altre piste, penso che risultando così rapidi qua, riusciremo a trovare la quadra ed essere nelle posizioni di vertice anche in quelle non particolarmente congeniali alla nostra moto”.

Infine, Zarco ha parlato della velocità massima raggiunta durante questi giorni, tra le migliori in assoluto: “Tutte le Ducati si sono confermate tra le migliori per quel che riguarda la velocità massima in rettilineo. Non è una novità né una sorpresa, ma è un aspetto che ci potrà aiutare molto durante le bagarre in gara”.

Test Moto3, Jerez: Italia al top grazie a Foggia e Fenati