Test MotoGP, Day2: tripletta Yamaha con Vinales, Morbidelli e Quartararo

Test MotoGP, Day2: tripletta Yamaha con Vinales, Morbidelli e Quartararo

La Yamaha spadroneggia nella seconda giornata di test, ma le Ducati continuano un lavoro certosino sulla Desmosedici. Rossi entra in Top ten ed è ottavo

E' stata un'altra giornata di test quella in Qatar che ha visto ancora una volta i piloti della classe regina impegnati nel provare i loro prototipi, tra nuove specifiche e qualche attacco al tempo per cercare un posto nella top ten di giornata. Su tutti, il più veloce è stato Maverick Vinales con il giro lanciato arrivato a cinque minuti dalla fine. Il pilota Yamaha ha fermato il crono a 1:53.244, diventando così il più veloce della giornata, ma non andando a migliorare il record di ieri di Jack Miller in 1:53.183.

Una tripletta firmata Yamaha


Quel che è certo, è che l'M1 sta andando davvero veloce sul tracciato qatariota e la tripletta scritta oggi da Vinales-Morbidelli-Quartararo ne è la conferma: il gap tra di loro è racchiuso in +0,154, quindi davvero irrisorio, mentre il quarto pilota mancante, ovvero Valentino Rossi, da quest'anno al team Yamaha Petronas è riuscito a strappare l'ottavo miglior tempo a +0,749. In Casa Yamaha oggi il lavoro al box è stato fruttuoso e tra le novità che sono state testate, c'è stato anche un parafango schiacciato con funzione aerodinamica.

MotoGP, per Marc Marquez è il giorno della verità

Ma al box Ducati...


Questa volta, al box Ducati il lavoro è stato invece diverso per i due piloti ufficiali: Jack Miller, che ricordiamo ieri è stato il più veloce in assoluto, oggi ha fatto una simulazione gara senza fare il time attack, cosa che invece ha fatto il compagno di squadra Francesco Bagnaia portandosi al quarto posto della classifica con un tempo di 1:53.444. Miller è scivolato in undicesima posizione. A centrare la top ten, sempre in Casa Borgo Panigale è stato anche Johann Zarco, nono a +0,812, mentre il compagno di squadra Pramac e rookie Jorge Martin è arrivato quattordicesimo davanti all'altro rookie Enea Bastianini (1,261), mentre Luca Marini ha chiuso ventesimo a +1.778.

Diverse cadute con Alex che si frattura il piede


Tornando alla top ten, la classifica non ha regalato particolari colpi di scena rispetto a ieri: a girare ancora forte è stato Aleix Espargarò che ha portato la sua Aprilia in quinta posizione (+0,396), così come i due piloti Suzuki sesto e settimo con Mir davanti e Rins dietro ed infine l'alfiere Honda Pol Espargarò ha chiuso decimo a +0,859 da Vinales.

Questa seconda giornata ha visto registrare diverse cadute tra cui Jorge Martin e Lorenzo Savadori in sella all'Aprilia. Ma ad impressionare di più è stato l'highside di Alex Marquez alla curva 9: il pilota LCR ha rimediato una piccola frattura al quarto metacarpo del piede destro.

MotoGP: Alex Marquez cade, Lecuona lo carica sulla KTM

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi