In Aprilia faticano a nascondere l'ottimismo: la nuova RS-GP21 è nata bene, permette di girare su ottimi tempi e di farlo con costanza.

Caratteristiche non da poco, che permettono ad Aleix Espargaro in sognare in grande. Il 5° tempo fatto segnare dallo spagnolo nel giovedì del Qatar è l'ennesima testimonianza dei progressi compiuti a Noale e per la gara in programma il prossimo 28 marzo, sempre a Losail, le aspettative sono già alte.

Giornata positiva


"Combattere contro Quartararo e Vinales sarà difficile, ma finire a 3 decimi da loro come oggi è molto positivo", esordisce lo spagnolo. "Per quanto riguarda il passo sono molto contento, oggi ho girato in 1:54 basso, spesso in 1:53. Confermiamo la nostra competitività.

“Mi fa arrabbiare non aver potuto provare la simulazione gara a causa di una piccola caduta in cui ho rotto qualcosa sulla moto", ha ammesso l'alfiere Aprilia. "Mi infastidisce perché con le gomme usurate, con circa 20 giri di vita, riesco a mantenere un passo sull'1:54. Vedremo se domani il tempo ci permetterà di riprovare”.

Ducati inarrivabile sul rettilineo


Come spiegato anche dal suo compagno di squadra Lorenzo Savadori, la moto 2021 è un grosso passo avanti rispetto al passato. Rimane da risolvere il problema della velocità di punta. "Soffro in quinta e sesta marcia, perdo circa 10 o 12 Km/h rispetto alle Ducati. A parte questo, penso che in gara possiamo essere nel gruppo a lottare per il podio”.

L'ultima battuta riguarda l'accordo tra Dorna e il governo del Qatar per permettere ai membri del paddock di ricevere il vaccino anti-Covid-19.

"Sono molto grato all'accordo raggiunto da Dorna, è molto importante. Viaggiamo per il mondo tutto l'anno. Nel mio caso, mia figlia è ad altissimo rischio. Suo padre viaggia molto, potermi vaccinare è un'opportunità che mi rende molto felice e grato”, conclude Espargaro.

Test MotoGP, Miller: "Il T3 è il tallone d'Achille della Ducati"