A volte occorre prendere le cose con filosofia, come Brad Binder. Il sudafricano avrebbe probabilmente avuto bisogno di questa ultima giornata per cercare di avvicinarsi ai migliori, ma così non è potuto essere a causa delle cattive condizioni della pista. Poco male ad ogni modo per Brad, che pensa positivo anche in ottica gara.

“Oggi ho potuto fare otto o dieci giri circa - spiega - ma le condizioni erano proibitive. Il problema principale era la sabbia presente ai margini e sulla pista, che rendeva la situazione molto rischiosa, così abbiamo rapidamente deciso di terminare la giornata. Se si dovessero ripresentare queste condizioni penso che si potrebbe correre, ma sarebbe molto strano: l’aderenza che pare esserci in realtà non esiste, ed anche il colore dell’asfalto è completamente diverso”.

Binder conferma come il suo piano di lavoro non fosse ancora completo, ma ancora ancora una volta vede il bicchiere mezzo pieno.

“Avevo ancora alcune cose da provare, che per fortuna il test aveva già provato e promosso, quindi tutto sommato non è la fine del mondo l’aver perso questa ultima giornata, nonostante la conformazione di questa pista non aiuti particolarmente la KTM. Abbiamo alcune idee per avvicinarci ai migliori, quindi rimango positivo”.

Binder: “Ho più fiducia nei miei mezzi rispetto ad un anno fa”


Terminati i test è tempo di pensare alla stagione, che Brad affronterà consapevole di essere già riuscito (nel 2020) a salire sul gradino più alto del podio.

“Certamente inizio la stagione con una maggiore fiducia nei miei mezzi, consapevole di poter lottare per le prime cinque posizioni. L’anno scorso di questi tempi ero molto più scoraggiato, dopo aver essere stato lento per quasi tutta la durata dei test, ma poi le cose sono migliorate sensibilmente. Oggi mi sento maggiormente in sintonia con la moto, e sento che abbiamo del potenziale”.

Il mantra di Binder resta quello di essere positivo, per iniziare il primo weekend della stagione nel migliore dei modi, senza porsi obiettivi.

“voglio prepararmi al meglio nelle prossime due settimane, pensando soltanto agli aspetti positivi di questo test. E’ questo il modo migliore per approcciarsi ad un weekend di gara, anche se sono consapevole che il lavoro da fare non manchi. Non mi pongo obiettivi al momento, voglio solo cercare di ottenere il massimo”.

MotoGP, Morbidelli: “La mia Yamaha non è stata meno veloce delle altre”