Nella breve "pausa" tra i test svolti in Qatar e i due prossimi Gran Premi MotoGP da disputare sulla medesima pista di Losail, Valentino Rossi ne ha approfittato per tenere una seduta di allenamento in un posto speciale, per lui in particolar modo.

La pista del Mugello, ovvero. Il tracciato toscano ha visto vincere il numero 46 qualcosa come nove volte, distribuite in quasi tutte le classi in cui ha corso. Cioè, 125, 250 e MotoGP. No, in 500 no, perché tra il 2000 ed il 2001 l'allora portacolori Honda rimediò dodicesimo posto e ritiro.

L'anno scorso, invece, The Doctor non ha gareggiato al Mugello. E non solo lui: tutto il paddock del Motomondiale ha saltato la tappa italiana, per motivi che ben conosciamo. Malgrado il buco 2020, presto ci sarà il ritorno tra i cordoli tricolori. La tappa è fissata per il 30 maggio.

La R1 stradale non è la M1 prototipo, ma...


... ci si diverte e mantiene in forma comunque. Lo hanno detto in tanti, ma poco e diversamente si può fare. Essendo i test MotoGP contati, contingentati ed organizzati ad hoc, i piloti devono "accontentarsi" di sessioni private, nella quali girare con qualsiasi mezzo disponibile.

Nel caso di Valentino, la Yamaha quattro cilindri a scoppi irregolari. Tutta nera e con il numero 46. Bella, veloce e divertente da guidare. Manca poco al primo Gran Premio stagionale, per Rossi si tratterà della sua ventiseiesima annata Mondiale. i tifosi di ogni circuito - speriamo di rivederli presto - soprattutto quelli del Mugello, lo attendono con calore.

RC213V-S: l'ultimo atto del recupero di Marc Marquez