Il team Yamaha Monster Energy è pronto ad affrontare la prima sfida dell'anno, rappresentata dal GP del Qatar. Un appuntamento al quale sia Fabio Quartararo che Maverick Vinales si presentano in buona forma, grazie ai tempi messi a segno durante i recenti test di Losail.

La fiducia di Meregalli


Entrambi i piloti possono essere annoverati tra i candidati alla vittoria e Massimo Meregalli ne è cosciente. 

"Siamo fiduciosi. È stato fatto un sacco di duro lavoro da parte degli ingegneri Yamaha e dei nostri collaudatori", racconta il team director. "Sia Maverick che Fabio si sono sentiti a proprio agio con il pacchetto che abbiamo preparato per loro durante il test, quindi ora è solo questione di iniziare e andare pista".

Test MotoGP: tutte le novità tecniche viste in Qatar

Vinales è carico


Entusiasmo condiviso da Vinales, chiamato a confermare in gara i risultati riscontrati nei test quando si è trattato di simulare il passo gara.

"I test invernali di quest'anno non sono stati molto lunghi, ma abbiamo svolto molto lavoro e il test in Qatar è stato davvero positivo. Questo è importante", spiega lo spagnolo. "Stiamo per iniziare la nuova stagione e siamo a un buon livello, conosciamo i nostri punti di forza. Abbiamo un buon ritmo e abbiamo anche lavorato molto sulle aree che sappiamo di poter migliorare ulteriormente".

La prima di Quartararo nel team ufficiale


Per Fabio Quartararo si tratterà di un nuovo inizio: lasciato il team Petronas, ora è chiamato a sostituire la figura ingombrante di Valentino Rossi all'interno della squadra ufficiale.

"Finalmente la stagione sta per iniziare! Ho fatto molti giri durante i test pre-campionato, e anche se non siamo riusciti a girare l'ultimo giorno, abbiamo comunque concluso il test avvertendo sensazioni positive", analizza il francese.

"Sono molto curioso di vedere se le condizioni della pista sono cambiate molto rispetto ai test, ma soprattutto voglio guidare di nuovo la mia M1 e iniziare la stagione 2021".

Ancora pochi giorni e sapremo se sarà vera gloria.

MotoGP, GP Qatar: Yamaha riuscirà a contrastare la "Furia rossa" Ducati?