Per le prime due gare della stagione MotoGP la Casa alata dovrà ancora fare a meno dell’otto volte iridato Marc Marquez, che prima di scendere in pista dovrà sottoporsi ad un’altra visita medica il 12 aprile. Così per il doppio appuntamento del Qatar Honda schiererà nel team ufficiale il collaudatore Stefan Bradl e il nuovo arrivato Pol Espargarò.

VOTA IL SONDAGGIO: MotoGP: chi vincerà il GP del Qatar?

Un debutto molto atteso


Dopo aver lasciato KTM, con cui ha passato i quattro anni precedenti Pol Espargarò sta per iniziare davvero la sua storia con Honda. Un capitolo importante della sua carriera, dove sarà alla guida della RC213V moto con cui Marquez ha vinto otto titoli in nove anni. Lo spagnolo non sta più nella pelle: “La prima gara è finalmente arrivata, sono davvero entusiasta di tornare sulla Honda. Abbiamo fatto un buon test qui e ci sono ancora alcune cose che dobbiamo imparare e capire sulla moto. Sarà un weekend intenso, ma sono emozionato”.

Espargarò è ancora emozionato nel vestire questi colori: “Correre con la Repsol Honda è qualcosa che la maggior parte delle persone sogna e non vedo l'ora di farlo. Non mi pongo un obiettivo per la gara se non quello di fare il meglio che possiamo”.

MotoGP orari TV GP Qatar: in diretta su Sky e Dazn, differita su TV8

 

Bradl ancora in pista


Lo scorso anno il campione è stato sostituito dal collaudatore tedesco, e dopo aver svolto i test pre-stagionali, si troverà nuovamente al via delle gare, almeno delle prime due. Stefan Bradl ha raccontato: “Prima di tutto voglio ringraziare HRC e auguro a Marc tutto il meglio per il suo recupero. Abbiamo fatto un buon test e ho guidato bene dopo un 2020 impegnativo”.

La moto ormai la conosce meglio di tutti i piloti che Honda schiera: Speriamo di poter fare un altro fine settimana forte e raccogliere alcune buone informazioni. Sarà bello correre di nuovo in Qatar, è passato un po’ di tempo da quando l’ho fatto l’ultima volta, ma sicuramente i due test mi hanno messo al passo con la pista quindi non credo che questo sarà uno svantaggio per noi”.

Fausto Gresini: lo struggente ricordo di Honda a un mese dalla morte