MotoGP Qatar, Mir: “Sorpreso dall'assenza di Marquez. Il titolo? Sono favorito”

MotoGP Qatar, Mir: “Sorpreso dall'assenza di Marquez. Il titolo? Sono favorito”© Milagro

"DIfficile fare un nome ad oggi, ma se dovessi farlo sarebbe il mio. Pensavo che Marc ci sarebbe stato avendo svolto dei test. Ho un buon pacchetto per la gara, ma le Ducati sono molto rapide"

L’anno scorso di questi tempi Joan Mir era soltanto un giovane talento di belle speranze, ma 365 giorni dopo lo status dello spagnolo è notevolmente cambiato. Il ragazzo di Maiorca infatti si presenta ai nastri di partenza della nuova stagione con tutti gli occhi addosso, frutto di quel titolo conquistato nel 2020 grazie a velocità, costanza ed intelligenza. Un risultato però da mettere ora da parte, per concentrarsi appieno sulla nuova sfida all’orizzonte.

“Sono felice del fatto che la stagione stia per iniziare – apre Joan – e di conseguenza occorre ricominciare tutto da capo. Il 2020 è stata un grande anno per me, ma ora devo solo pensare a come ottenere il massimo dalla mia moto: le sensazioni nei test sono state buone, e spero di poter difendere il titolo nel migliore dei modi”.

Mir avrà a disposizione una Suzuki dall’animo molto simile a quella che l’anno scorso lo ha aiutato a salire sul tetto del mondo, ma dovrà fare i conti con l’assenza di Davide Brivio, forse il deus ex machina dell’impresa Suzuki.

“Il motore è lo stesso dell’anno scorso, quindi la moto del 2021 non si discosta molto dalla precedente. E’ importante mantenere la costanza di rendimento che abbiamo dimostrato nel 2020, riuscendo ad essere rapido gara dopo gara. Brivio? Ci manca e gli faccio i miei migliori auguri. Ha fatto un grande lavoro, dimostrando come la Suzuki fosse in grado di vincere. La struttura del team rimane la stessa nonostante la sua assenza, non abbiamo cercato di sostituirlo”.

VOTA IL SONDAGGIO: MotoGP, chi vincerà il GP Qatar?

Mir: “Sorpreso dall’assenza di Marc”


Con o senza Brivio Mir resta uno dei favoriti per la corsa al titolo, e giustamente non fa nulla per negarlo, senza dimenticare l’ormai prossimo al rientro Marc Marquez.

“Difficile dire chi sia il favorito per il titolo, dato che l’anno scorso tanti piloti sono stati in grado di vincere ma non di essere costanti. Se dovessi fare un nome, probabilmente farei il mio. Sono sorpreso del fatto che Marc non corra le prime due gare, dato che i test svolti mi avevano fatto pensare che ci sarebbe stato. Certamente questo non è positivo per lui, dato che avrebbe potuto sfruttare queste prime due gare per riprendere confidenza con la moto, ma lui sa certamente meglio di tutto come essere veloce”.

Ad ogni modo è ora tempo di pensare alla prima gara dell’anno, per la vittoria della quale Mir sa bene di avere una vasta concorrenza.

“Personalmente so di avere un pacchetto competitivo, ma in passato la Suzuki non ha vinto molto su questo tracciato. Le Ducati sono molto veloci in Qatar, soprattutto Jack, e lo stesso vale per le Yamaha. Non vanno inoltre sottovalutate le possibili sorprese, che non mancano mai”.

MotoGP Qatar, Bagnaia: “Rossi il maestro supremo, io il prof di matematica”

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi