Marc Marquez sarà il grande assente del Gran Premio del Qatar: un'assenza che stupisce anche i suoi avversari, che si aspettavano di rivedere in pista lo spagnolo dopo la lunga convalescenza causata dall'infortunio di Jerez. I recenti test svolti a Barcellona e Portimao in sella alla Honda RC213V-S avevano illuso sul rientro dell'otto volte campione del mondo, stoppato dai medici alla vigilia della prima gara di Losail.

MotoGP, Marc Marquez: “L'infortunio non mi cambierà”

"Speriamo che Marc torni presto"


"Non sarà in Qatar perché i medici pensano che abbia bisogno di ancora un po' di tempo, per essere sicuro al 100% di tornare in buone condizioni", ha raccontato Alberto Puig a DAZN.

Il team manager della Honda ha spiegato la scelta compiuta dai dottori che seguono Marquez: "A Barcellona e Portimao le sensazioni erano buone, era veloce, ma i medici hanno ritenuto che lo stress a cui viene sottoposto il braccio in un Gran Premio fosse ancora eccessivo. Abbiamo seguito le istruzioni dei medici, ma speriamo che torni presto e faccia quello che sa fare, cioè vincere le gare".

Dopo tre operazioni in pochi mesi, l'entourage del 93 preferisce non rischiare, anche se saltare due gare significa lasciare molti punti per strada.

"Non si dimentica come si va in moto. Ma non è che non possa andare in moto, è che il medico vuole assicurarsi che sia passato il tempo giusto dall'operazione", ha continuato Puig. "Aspetteremo. Partire senza il nostro campione non è la cosa migliore, ma non è la fine del mondo. Se tutto va bene, il campionato sarà lungo quest'anno e ci sarà il tempo per recuperare".

Calendario ufficiale MotoGP 2021: Gran Premi, circuiti e le date

Il nuovo arrivato Pol Espargaro


Senza il proprio pilota di punta, assente in entrambi i GP del Qatar e sostituito dal tester Stefan Bradl, Honda punterà sul nuovo arrivato Pol Espargaro. "Abbiamo un altro pilota che ha la capacità per lottare per il Mondiale, abbiamo firmato Pol Espargaro perché crediamo che abbia esperienza e capacità", ha detto il manager del Team Repsol. "Inoltre siamo convinti che ci aiuterà a sviluppare la moto ad alto livello. Naturalmente, quando abbiamo firmato pensavamo che fosse la persona giusta per quest'anno, ci fidiamo di lui al 100% e speriamo che possa essere veloce sulla nostra moto", ha concluso Puig.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Attiva Ora