È iniziato ufficialmente il primo weekend di Valentino Rossi all'interno del box Yamaha Petronas: un venerdì tutto sommato positivo, quello del pesarese, nono classificato dopo le prime due sessioni di libere. Una posizione che gli permette di essere momentaneamente in Q2 e di poter pensare al lavoro da svolgere in ottica gara.

Calendario ufficiale MotoGP 2021: Gran Premi, circuiti e le date

Buon inizio


"Sono felice di questo primo giorno. Mi sento molto a mio agio nel team, c'è una bella atmosfera e stiamo lavorando bene nel box", spiega Rossi a fine giornata. "Il nostro obiettivo era cercare di rimanere nella top ten, perché domani sarà difficile migliorare il tempo sul giro, e alla fine sono nono".

Anche il bilanciamento della M1 sembra soddisfare il pesarese, confermando i progressi mostrati nell'ultima giornata utile di test svolta a Losail due settimane fa.

"Sono contento della moto e ho già migliorato il mio tempo dai test, il che è positivo. Adesso dobbiamo lavorare, cercare di migliorare qualche piccolo dettaglio per domani e sappiamo anche che la scelta delle gomme non sarà facile. Per me questo sarà cruciale; pensiamo che domani farà caldo ma domenica meno. Il nostro obiettivo principale domani però sarà fare un buon time attack e partire da una posizione di vertice".

Per il weekend di Losail, Valentino ha scelto di provare la nuova carena testata durante le prove invernali.

"Sì, ho scelto quella, perché mi piace e riesco ad essere un pochino più veloce sul rettilineo. Poi è anche più bella (ride, ndr). E' simile a quella dell'anno scorso, è solo fatta un po' meglio, quindi penso che andrà bene su tutte le piste". 

Guarda il GP del Qatar live su DAZN. Attiva Ora

Pronostico difficile


Dando uno sguardo agli avversari, Valentino sottolinea il grande equilibrio che caratterizza la classifica, con ben 16 piloti racchiusi in meno di un secondo.

Fare un pronostico per domenica è estremamente difficile: “Le Ducati sono davvero toste, vanno forte: in questo momento Miller e Bagnaia sono i migliori, i più in forma", analizza il Dottore. "Mi fanno paura le Suzuki, specialmente Rins, perché ha girato in 1’53”6 ma vedo che la moto è molto dolce con le gomme e questo sarà importante. Poi Mir e Alex, ma specialmente Rins, secondo me vengono sempre fuori alla distanza, io dico che vanno molto forte".

"Io sto guidando bene, mi sono allenato e mi sento in forma. Spero di chiudere meglio che nono, questo è sicuro".

MotoGP Qatar, Bastianini commenta le Libere: “La Q2 è alla mia portata”