Le qualifiche a Losail, le prime da pilota ufficiale Ducati, si sono chiuse con il quinto tempo per Jack Miller, favorito per la vittoria della gara secondo il nostro sondaggio. L'australiano ha vissuto fino ad ora un weekend in Qatar da protagonista, ma è mancato qualcosa durante l'ultimo tentativo della sessione, che non ha tuttavia scoraggiato il numero 43.

“Chiaramente speravo in qualcosa in più per questa qualifica, ma sinceramente non posso dire di essere scontento di questo quinto posto. Ho fatto un ottimo giro andando anche sotto al record della pista e mi sento pronto per la gara, perciò tutto sommato mi sento soddisfatto della mia performance e del lavoro svolto oggi”, ha detto al termine della giornata.

MotoGP Qatar, Parco Chiuso Qualifiche: i commenti dei primi quattro

"In gara ci sarà da lottare"


Parlando della gara, Miller è sicuro di poter essere competitivo, ma non si sbilancia: “Partiamo in una buona posizione e puntiamo in alto, ma è difficile prevedere come andrà il Gran Premio. Le Yamaha potrebbero essere veloci, ma se pensiamo alle ultime corse disputate su questa pista, sono state delle gare di gruppo con ritmi alti, perciò potrebbe esserci da lottare. La possibile presenza del vento, inoltre, causerà una grande mancanza di grip e occorrerà stare attenti, un po' come accade a Phillip Island”.

A proposito della scivolata nel corso delle FP3, infine, Jack ha spiegato le condizioni particolari in cui si è verificata: “La terza sessione di libere non era molto indicativa, c'era poco grip e le altissime temperature dell'aria e dell'asfalto non permettevano di spingere. Non so per quale motivo sia caduto, ma non ho perso la fiducia in vista della qualifica visto che le condizioni del tracciato sarebbero state ben diverse e anche la gara si disputerà con temperature più basse”.

MotoGP Qatar, Zarco da record: sfonda il muro dei 362 km/h!