Rossi c'è, e lo ha dimostrato, alla veneranda età di 42 anni e alla sua 26esima stagione nel Motomondiale, con un quarto tempo nelle qualifiche del Qatar. Chi lo avrebbe mai detto che dietro alla scheggia Bagnaia e ai due ufficiali Yamaha Quartararo e Vinales ci sarebbe stato proprio lui? Ecco il commento di Vale a queste qualifiche, ma anche ad argomenti più “scottanti” come il record sulla velocità di punta battuto oggi da Johann Zarco.

Mentalità da vero numero uno


“Un gran modo di iniziare la stagione con la mia nuova squadra - ha esordito Valentino Rossi in conferenza stampa -. Con il secondo set di gomme ero davvero a mio agio sulla moto, avevo un buon grip. Il giro è stato bello,sono stato in grado di spingere forte senza fare errori. Alla fine il tempo sul giro è stato buono. Sfortunatamente non è stato abbastanza per la prima fila ma non siamo lontani e iniziare dalla quarta posizione sarà importante per la gara di domani”.

Anche se i pronostici non lo davano tra i favoriti per la Top Five, Rossi c'ha creduto fino in fondo e questa mentalità lo ha ripagato: “In questi ultimi anni - ha proseguito - ho imparato che nella MotoGP di adesso può succedere di tutto da un turno all'altro quindi non bisogna mai mollare. Oggi ho sofferto un po', lo sapevo perchè abbiamo usato delle gomme molto finite con tanti giri e di passo non ero fantastico. Rispetto a ieri abbiamo fatto delle modifiche che non mi piacevano tanto. Quando ho iniziato le qualifiche, però, la moto era meglio e quindi con il secondo set di gomme sono stato veloce, avevo un buon grip e quindi c'ho creduto”.

Le previsioni per la gara


Detto questo, potrebbe essere realistico anche un podio domani? “E' molto difficile da dire - ha aggiunto -. Oggi nelle FP3 e FP4 ho girato con le gomme usate e non sono andato velocissimo. Le qualifiche sono andate bene ma nel long run non ho brillato quindi vedremo domani come andrà. Spero che le condizioni del tracciato siano buone, la griglia di partenza è fantastica. Speriamo nelle condizioni meteo, tutto il paddock, piloti e Team ma anche il pubblico a casa ha voglia di vedere la prima gara dell'anno. In ogni caso per domani punto alla Top five”.

MotoGP, orari TV GP Qatar: in diretta su Sky e DAZN, differita su TV8

“Pecco è riuscito a cambiare il suo stile di guida”


Vale ha quindi fatto i complimenti a Francesco Bagnaia per la sua prima pole in Top Class e al Team Ducati Factory: “Faccio a Pecco le mie più grandi congratulazioni, me lo sono trovato davanti nel secondo giro lanciato e ho visto che spingeva molto forte. Con questa pole ha iniziato la stagione nel migliore dei modi. E' un grande interprete della Ducati ed è riuscito a modificare il suo stile di guida cercando di aggirare i problemi della moto e sfruttare le più grandi caratteristiche. Noi della VR46 siamo super orgogliosi dei nostri piloti MotoGP. E' bello perchè anche la Ducati crede molto nella VR46 Academy. Hanno dato fiducia a Pecco ma anche a mio fratello, quindi siamo molto orgogliosi”.

MotoGP Qatar Qualifiche, Miller commenta il risultato: “Non sono scontento”

“La velocità di Zarco? E' pericolosa”


Infine, è stato chiesto al Dottore cosa ne pensasse del record di velocità battuto oggi da Johann Zarco nelle FP4: “Quest'anno la combinazione Ducati-Zarco ha battuto ogni record. La velocità di Ducati è impressionante e Zarco ha avuto prestazioni buone in pista. E' piccolo e quindi molto aerodinamico. Se ha battuto il record qui in Qatar, al Mugello sarà ancora più veloce. Pericolosa questa velocità? Per me più di 330 Km/h è già pericolosa quindi 360 km/h lo è ancora di più. E' qualcosa di incredibile. Penso che tutti i fan del Motorsport saranno eccitati nel vedere questo numero, ma di sicuro è pericolosa”.

Calendario ufficiale MotoGP 2021: Gran Premi, circuiti e le date