Tutti si aspettavano di vedere Franco Morbibelli molto più in alto nella classifica delle qualifiche di Losail, autore del settimo tempo a mezzo secondo dal poleman Pecco Bagnaia.

C’è un motivo che spiega la prestazione del pilota Yamaha Petronas. Quando ho montato il secondo set di gomme, al primo giro sono arrivato in curva 1 e si è alzato un gran polverone dovuto al decollo di un elicottero. Credevo che si trattasse di una caduta, anche Quartararo ed Espargaro si sono fermati. Ho perso tempo e non sono riuscito a effettuare il giro successivo. Ho preso la bandiera a scacchi, in realtà ho fatto comunque il giro ma non sarebbe cambiato molto”, racconta Morbidelli dopo le qualifiche.

Qualifiche MotoGP Qatar, Bagnaia: “Sarà un gran duello con le Yamaha”

M1 da mettere a punto


Dopo aver ben figurato nel turno del pomeriggio, con lo scendere della notte su Losail Morbidelli è apparso molto meno a suo agio rispetto agli altri piloti Yamaha. Dobbiamo cercare di fare ulteriori modifiche al setting, capire perché non sono veloce di notte. Nei test non era così, ma spesso la situazione cambia. Siamo stati colti di sorpresa, ma cercheremo di apportare le modifiche giuste”.

Affinamenti che verranno testati direttamente al via del GP: “Non sei mai sicuro degli aggiustamenti al set-up finchè non scendi in pista, in questo caso dovrò verificarli solo in gara. Siamo fiduciosi e abbiamo voglia di rischiare, dobbiamo provare qualcosa per migliorare”. A tal proposito, Frankie confida nel suo capotecnico: “Sono sicuro che Forcada tirerà fuori qualcosa”.

L’esito della corsa non può dirsi comunque compromesso, ma Morbido dovrà spingere sin dalla prima curva per compiere la rimonta. “Dovrò attaccare: sono settimo, alla fine non sono troppo lontano. Non parto da dove vorrei, ma non prevedo una gara di passo martellante. Sarà una corsa più di controllo a causa del degrado gomme. Non vedo nessuno pronto a scappare in fuga”.

MotoGP Qatar, Vinales: “La nostra strategia di gara? Essere intelligenti”

Valentino imprevedibile


Anche vedere Valentino Rossi davanti a Morbidelli in qualifica può risultare una sorpresa, ma non per il romano, che conosce bene il 42enne di Tavullia. “Non ci si può aspettare nulla da Vale, è sempre capace di sorprendere. Sono stati davanti a lui a lungo, sia nei test che nel corso del weekend, ma oggi Vale è davanti. E’ sempre capace di sorprendere. La scia della Ducati ha aiutato, ma il tempo va fatto. Complimenti a lui.

MotoGP, orari TV GP Qatar: in diretta su Sky e DAZN, differita su TV8