Mancano poche ore al via del primo Gran Premio dell'anno e le qualifiche sono ormai passate da un pezzo, ma l'entusiasmo per l'incredibile pole position fatta segnare da Francesco Bagnaia non accenna a placarsi. Il tempo di 1:52.772 è sinonimo di un grande feeling tra il piemontese e la Desmosedici ufficiale, una vera e propria dichiarazione di intendi in vista della gara di oggi.

Pecco è consapevole di avere tra le mani un'occasione d'oro. "Sono tranquillo, partire primo è il modo migliore per iniziare una nuova fase della mia carriera", ha dichiarato dopo le qualifiche del Qatar. "Penso che in gara avremo un buon ritmo e sarà possibile lottare per le prime posizioni".

Qualifiche MotoGP Qatar: Rossi trova pericolosa la velocità di Zarco

Collaborazione non programmata


Una prestazione, quella realizzata da Bagnaia in qualifica, che ha avuto degli effetti benefici sul giro ottenuto da Valentino Rossi, quarto in griglia anche grazie alla scia offerta dal ducatista nel momento più concitato della Q2.

Una cooperazione involontaria e non programmata, come spiegato da Valentino a fine turno. "Non era programmata, sono stato fortunato a trovarmi nel posto giusto", ha spiegato Rossi. "Ci tengo a fare i miei complimenti a Pecco, ha fatto paura. Anche per me è stato un buon modo di iniziare l'anno, mi sono sentito a mio agio con il secondo set di gomme. Partire davanti è importante".

Vista la grande amicizia tra i due, frutto degli anni passati insieme nella VR46 Academy, sorge spontaneo chiedersi se sarà possibile rivedere questa collaborazione anche in altre occasioni. Bagnaia non si tira indietro, dichiarandosi disponibile ad aiutare ancora il Maestro qualora ce ne fosse bisogno. "Io e Vale siamo incrociati in pista in entrambi i miei run. Sono sempre disposto ad aiutare Vale, è lui che ha fatto ripartire la mia carriera ai tempi della Moto3. Se dovesse servire e dovessi trovarmelo ancora in scia, lo tirerò sempre".

Guarda il GP del Qatar live su DAZN