La prima gara stagionale per Alex Rins si chiude con un amaro sesto posto. Lo spagnolo, dopo essersi dimenticato il launch control in partenza, ha stressato tanto le gomme per recuperare. Così, verso gli ultimi 5-6 passaggi ha dovuto tirare i remi in barca, chiudendo alle spalle di Quartararo, a ben 2” dal suo compagno di squadra Mir, che si è giocato il podio fino all’ultima curva. 

Nel media debrief immediatamente successivo alla fine della gara, lo spagnolo spiega che cosa è successo in gara parlando anche del vento e quale sarà l’obiettivo per la prossima gara, sempre a Losail domenica prossima.

“Ho spinto tanto per recuperare”


Alex Rins apre il suo media debrief post gara parlando delle sensazioni provate durante la gara e di quello che non ha funzionato al via. “Ho dimenticato di inserire il launch control in partenza, facevo fatica a gestire la potenza della moto. Non sono partito male ma ho perso qualche posizione che ho fatto fatica poi a recuperare, e per cercare di recuperare il tempo perso da quelli davanti ho distrutto le gomme. Prima che mi passasse Joan, cominciavo ad avere problemi sia all’anteriore che al posteriore. A metà gara ho spinto così tanto che ho distrutto le gomme”.

Poi aggiunge: “Quando sono arrivato sul gruppo di testa, ho iniziato a perdere ritmo. Dal pit board vedevo che Joan era a 1”5 da me. Dietro a Miller ho cercato di analizzare dove poterlo passare per evitare che poi mi passasse. Nel complesso una buona gara con un buon passo”.

MotoGP Qatar, Bagnaia recrimina: “Ho sbagliato strategia di gara”

“Ho provato la carena 2021 ma per la gara ho scelto la vecchia”


Lo spagnolo spiega di aver portato in pista la nuova carena, ma che non gli ha dato le sensazioni che cercava. A tal proposito dice: “Ho portato in pista per un giro la carena 2021, ma non mi trovavo, diversamente dalla vecchia. Per la gara quindi ho deciso di correre con quella vecchia perché comunque il vento era meno, ma non è cambiato nulla rispetto ai test”.

“Anche nella prossima gara spingerò come in questa”


Rins parla della strategia prevista per la prossima gara, che si svolgerà domenica 4 aprile, sempre sul tracciato qatariota. “Per prima cosa devo ricordarmi di mettere il launch control in partenza, poi vediamo come parto. In ogni caso la strategia sarà la stessa di oggi, spingere subito forte, fare sorpassi intelligenti. Se dovessi trovarmi a sorpassare una Ducati all’ultima curva, starò dietro perché so che sul dritto poi mi passano”.

Poi dice la sua sul favorito della prossima gara alla luce del risultato odierno: “Non penso sia solo Maverick il favorito, non so cosa sia successo a Morbidelli, anche lui è uno dei favoriti, ancora le Ducati. Vedremo”.

MotoGP Qatar, Zarco: “Grazie al motore Ducati, ho salvato il secondo posto”