Non èiniziata come sperato la stagione 2021 di Valentino Rossi, la prima in sella alla Yamaha M1 del team Petronas. Il pilota di Tavullia, infatti, ha chiuso la gara soltanto in dodicesima posizione, nonostante delle grandi qualifiche che gli avevano permesso di scattare dalla quarta casella in griglia.

"Onestamente sono dispiaciuto, perchè mi aspettavo molto di più. Nei long run e nelle simulazioni di passo gara degli scorsi giorni, specialmente quelli di sabato, eravamo veloci e sembrava che la gomma più morbida fosse la scelta migliore, ma evidentemente non è stato così", ha spiegato il nove volte campione del mondo dopo la gara.

"Il feeling con il posteriore era pessimo, specialmente nei primi giri in cui ho perso davvero molte posizioni nonostante una buona partenza", prosegue Vale. "Non so cosa sia succeso di preciso a Morbidelli, ma ho visto che anche lui ha avuto dei problemi alla moto. Non è stata una domenica positiva per noi".

MotoGP Qatar, Parco Chiuso Gara: i commenti dei piloti sul podio

"Le Ducati vanno più forte di noi"


Un problema indicato da Rossi è quello della velocità della Yamaha rispetto alle avversarie e, in particolar modo, alla Ducati: "Sono partito meglio delle Yamaha ufficiali di Vinales e Quartararo, ma le Ducati erano impossibili da superare nell'allungo iniziale. Sul dritto vanno davvero fortissimo, siamo molto indietro rispetto a loro sulla velocità massima e l'accelerazione".

A proposito della gara, infine, non sono mancati i complimenti a Vinales per la grande vittoria: "Maverick ha corso una gara perfetta. Alla partenza era vicino a me, ma poi ha cambiato passo e ha mostrato una grande lucidità, gli faccio i complimenti. Prima della gara non sapevamo quale potesse essere il vero potenziale della Yamaha, ma ora lo sappiamo e dobbiamo risolvere i problemi per essere davanti anche noi il prossimo weekend".

MotoGP Qatar, Zarco: “Grazie al motore Ducati, ho salvato il secondo posto”