Il lungo weekend che porterà al GP di Doha di domenica è partito sotto una buona stella per il francese Johann Zarco. Il pilota Ducati Pramac, ha dimostrato ancora una volta di essere velocissimo in sella alla Desmosedici e, quando è calata la sera in Qatar è riuscito ad avere un feeling ottimale con la sua Ducati andando a chiudere con il terzo tempo alle spalle di Jack Miller e Francesco Bagnaia.

La scivolata nelle FP1


“Sono felice perchè mi sono aggiudicato un buon posto molto importante per domani - ha detto Zarco in conferenza stampa alla fine delle prove libere due -. Nel pomeriggio con condizioni di pista molto calde sono caduto e ho perso molto tempo. La sera, invece, mi sono sentito molto meglio”.

La caduta arrivata nelle prove libere uno per il francese non ha comportato problemi a livello fisico, ma la scivolata lo ha portato a terminare il turno con il peggior tempo della classifica: “Ho provato entrambe le gomme dure. Ho pensato che la gomma dura potesse essere migliore. La gomma anteriore sembrava a posto, la gomma posteriore non ha funzionato bene. Quando ho voluto guidare un po 'più veloce con la gomma anteriore dura al primo tentativo, l'ho subito persa in fase di frenata ".

VOTA IL SONDAGGIO: chi vincerà il secondo Gran Premio in Qatar?

Felice a metà


Il pomeriggio, però, è stato decisamente migliore, non sono per lui ma per tutte le Ducati in pista: “Penso che per noi piloti queste siano le condizioni ottimali - ha proseguito Zarco -, non c'era vento e questo ha aiutato. Detto questo, nelle FP2, non sono riuscito a portare avanti un lavoro costante e per questo sono felice per la performance, ma non troppo felice per il lavoro svolto. Per questo weekend mi aspetto di fare uno step in avanti. Abbiamo la possibilità di fare bene, trovando un feeling ancora migliore”.

MotoGP Doha, Miller rassicura: “Gran rischio nelle FP2, ma sto bene”