Vento forte in Qatar ma non più veloce di Jorge Martin che sul tracciato di Losail è stato una scheggia, riuscendo a beffare gli avversari proprio sullo scadere del tempo a disposizione, grazie ad un giro veloce firmato in 1:53.106.

Il rookie Pramac ha lasciato tutti a bocca aperta, a partire dal compagno di squadra Johann Zarco, secondo nello schieramento di partenza e che nulla ha potuto contro la furia spagnola. In ogni caso le Ducati possono gioire anche in questo secondo weekend in quanto sono quattro i piloti in rosso che domani scatteranno dalle prime dieci posizioni.

VOTA IL SONDAGGIO: MotoGP, chi vincerà la gara di Doha?

Il passaggio dal Q1


La prima prova di forza è stata quella del Q1: in ballo soltanto due pass per risalire in Q2 e guadagnarsi un posto di rilievo in griglia di partenza domani. A spuntarla su tutti è stato il campione del mondo in carica Joan Mir in sella alla Suzuki, seguito dall'alfiere KTM Miguel Oliveira. Bravo anche il rookie Luca Marini che è rimasto fuori per 8 millesimi piazzandosi terzo davanti ad Alex Marquez.

Difficoltà per un problema al cambio, invece, per Enea Bastianini che domani partirà 19esimo, così come per Valentino Rossi che nonostante abbia cercato il time attack, ha chiuso il Q2 all'undicesimo posto. Domani dovrà scattare dal penultimo posto della griglia di partenza, uno dei suoi peggiori risultati mai avuti in qualifica.

MotoGP Doha, Binder risponde a Rossi: “È un po' sensibile”

La griglia di partenza


Ma è solo in Q2 che i piloti hanno tirato fuori tutta la grinta in loro possesso. Il vento del Qatar ha dato noia ai riders, ma non gli ha impedito di mettere mano al gas e dare il tutto e per tutto nel giro lanciato. Il poleman di giornata è stato, a sorpresa, un super Jorge Martin in arrivo solo quest'anno dalla Moto2.

Ma il merito, oltre al pilota, va anche al Team Ducati Pramac che è riuscito a piazzare una doppietta in queste qualifiche grazie anche al secondo piazzamento di Johann Zarco che ha chiuso a +0,157.

Dietro alle due Ducati domani, in griglia di partenza, scatterà Maverick Vinales (+0,161), che dovrà guardarsi da un terzetto davvero insidioso formato da Jack Miller (+0197), Fabio Quartararo (+0,363) e Francesco Bagnaia (+0,548).

Anche Aleix Espargarò in sella all'Aprilia è riuscito a fare dei giri lanciati molto performant , ma alla fine il gap con Martin è stato di sei decimi: per lui, domani, ci sarà il settimo posto in griglia e sarà seguito dalle due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir, con Franco Morbidelli decimo.

La classifica della Q2


La classifica della Q1


MotoGP, orari TV GP Doha: dove vedere in diretta la seconda gara in Qatar